Campo di OGM distrutto nel pavese è gesto da condannare, ma servono le regole

Legambiente: “Non è questo il modo per condurre sia battaglie contro gli OGM sia a favore di un’agricoltura di qualità”

La parcella di riso prodotto mediante TEA (Tecniche di Evoluzione Assistita) devastata da ignoti, Mezzana Bigli (PV) il 21 giugno 2024

Scarica questo comunicato stampa

Legambiente conferma la propria posizione di severa critica nei confronti dello sviluppo di nuovi OGM, inclusi quelli ottenuti con le cosiddette TEA (Tecniche di Evoluzione Assistita), il creativo neologismo con cui in Italia si è ribattezzata la nuova generazione di modifiche genetiche realizzate per ‘editing’ di sequenze inserite in modo più o meno preciso nel DNA da modificare.

Le nuove tecniche disponibili, infatti, non riducono la necessità di applicare in modo rigoroso il principio di precauzione, né i rischi legati alla messa in commercio di nuove sementi OGM brevettate, e i relativi obblighi di trasparenza.

Di sicuro non possono essere accettati comportamenti come quello che ha portato alla distruzione della parcella sperimentale (28 mq) di piante di riso OGM, avvenuta questa notte a Mezzana Bigli (PV). L’esperimento, denominato RIS8imo, era stato condotto seguendo i dettami della normativa vigente relativa agli OGM, inclusa la valutazione d’impatto ambientale.

“La critica, anche dura, nei confronti dei rischi che una sperimentazione in campo porta con sé, non può tradursi in un atto di devastazione,” commenta barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “Non è con la distruzione di un esperimento che si argineranno i rischi legati alla messa in commercio di nuovi OGM. Il problema, infatti, non è la ricerca, che deve svilupparsi in questo come in ogni altro campo, ma la mancanza di un quadro di regole che imponga l’adozione del principio di precauzione nei confronti della diffusione di OGM che, una volta brevettati, rischiano di venir commercializzati in un quadro di regole opache e inadeguate sia alla tutela dei consumatori sia degli agricoltori.”

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Aria ‘malata’, con il tempo caldo e stabile torna l’inquinamento da ozono in Lombardia

Le principali cause di questo pericoloso inquinamento sono da attribuire ai settori dei trasporti stradali, agricoltura e all’uso dei solventi Legambiente: “Molta strada ancora da fare per restituire ai cittadini lombardi un’aria sana, ancora insufficienti sono gli sforzi di riduzione.” Scarica questo comunicato stampa L’estate è finalmente arrivata anche nel Nord Italia, con caldo e cielo sereno. Insieme al caldo è però arrivato anche il principale nemico dei polmoni dei

Read More »
Comunicati Stampa

Qualità dell’aria, nuove evidenze dell’impatto degli allevamenti intensivi: un terzo delle polveri sottili nell’aria della Pianura Padana è di origine zootecnica

I risultati della ricerca sull’inquinamento da fonte agricola in Pianura Padana pubblicati sulla rivista scientifica «Frontiers in Environmental Sciences» Legambiente: “Coinvolgere pienamente l’agricoltura nella transizione ecologica della nostra economia, abbiamo accumulato troppi ritardi” Scarica questo comunicato stampa Scarica il comunicato stampa di CMCC Vai alla pubblicazione su «Frontiers in Environmental Sciences»  È l’ammoniaca, il gas rilasciato da liquami zootecnici e campi troppo intensamente fertilizzati con urea e letami, la responsabile della

Read More »
ClimaxPo

La giornata del Big Jump, oggi in Lombardia tre appuntamenti

Olona, Ticino e Po i corpi idrici protagonisti dei flash mob Il progetto LIFE – Climax PO Legambiente: “La Lombardia rimane indietro su standard qualitativi EU, troppo pochi i passi avanti fatti da depurazione e riqualificazione.” Scarica il comitato stampa nazionale di Climax Po / Big Jump con link ai file multimediali (aggiornati dalle 15:00) Legambiente e il progetto Europeo Life Climax Po aderiscono al Big Jump, la campagna dell’European

Read More »
Comunicati Stampa

Ecomafia 2024: al Nord la Lombardia è saldamente in testa per i reati ambientali

Il rapporto di Legambiente celebra 30 anni di impegno dalla sua prima pubblicazione Legambiente: “Politica alzi la guardia nei confronti delle organizzazioni della criminalità ambientale ed economica” Scarica Ecomafia 2024 Scarica il comunicato stampa nazionale con il link ai file multimediali Scarica le tabelle con i dati regionali “Dall’analisi dei dati contenuti nel Rapporto Ecomafia 2024 la Lombardia si conferma la prima regione del Nord Italia in quasi tutte le

Read More »