Energia, mobilità, aria, consumo di suolo, piano cave, agricoltura e allevamento: i temi ambientali centrali per il territorio bresciano

A pochi giorni dalla chiusura della campagna elettorale che deciderà la composizione della Giunta e del Consiglio della Lombardia, i circoli bresciani di Legambiente si rivolgono ai candidati alla Regione con un documento riassuntivo dei temi ambientali imprescindibili per il futuro della provincia di Brescia.

«La Lombardia in generale e il territorio bresciano in particolare, da troppo tempo vessato e danneggiato da scelte politiche devastanti, hanno bisogno di un cambio di passo – spiegano dal Coordinamento dei Circoli bresciani di Legambiente Lombardia – I prossimi 5 anni saranno decisivi per attuare interventi di contrasto ai cambiamenti climatici, ma per farlo è necessaria una capacità di visione che guardi oltre il mandato elettorale e punti a ridisegnare la Regione in termini di sostenibilità produttiva, energetica, ambientale. Con questo documento ci appelliamo ai futuri componenti della Giunta regionale e del Consiglio perché i temi ambientali non vengano ridotti a soli slogan elettorali, ma si tramutino in un programma di azioni effettive».

Nel documento un appello rivolto ai candidati, ma anche agli elettori affinché possano scegliere i candidati che più hanno a cuore l’ambiente. Una decina i punti di snodo fondamentali per un territorio che guarda alla sostenibilità ambientale per la salvaguardia delle risorse naturali, il benessere dei cittadini e degli animali.

LEGGI IL DOCUMENTO COMPLETO

Il coordinamento dei circoli bresciani indica come prioritario: una mobilità sostenibile in cui venga realizzato un sistema di trasporto pubblico regionale intermodale ed interconnessooltre all’ampliamento delle zone 30 e della rete ciclabile per rendere le città più vivibili. Un trasporto ferroviario potenziato in modo razionale che eviti di disperdere ingenti risorse in sperimentazioni con soluzioni che già sappiamo essere inefficienti, come sta avvenendo per la Brescia – Edolo con il treno ad idrogeno.
Capitolo energia: l’attuazione di politiche per la riduzione dei consumi energetici e la produzione di energia in modo rinnovabile, attraverso la promozione delle Comunità Energetiche Rinnovabili e l’incoraggiamento al comparto artigianale ed industriale lombardo ad efficientare la filiera produttiva.
C’è poi la sfida della riduzione dell’inquinamento e chiama politiche ambientali incisive, perché ad oggi la qualità dell’aria è ancora molto lontana dai livelli raccomandati dall’OMS. Servono pertanto azioni che mirino a tagliare drasticamente le emissioni da motorizzazioni stradali e quelle da agricoltura e allevamento intensivo.

Un altro obiettivo prioritario è fermare il consumo di suolo, dovuto alla crescita di infrastrutture di trasporto e alla tumultuosa e ingovernata domanda di superfici del settore industriale della logistica su cui occorre da un lato razionalizzare le concessioni e dall’altro ripensare le vaste superfici dismesse.

Sul settore agricolo, secondo Legambiente è necessario sviluppare una riforma degli ordinamenti colturali, che orienti gli operatori verso scelte produttive maggiormente differenziate, resilienti e sostenibili e gestire in ottica di circolarità i flussi dei nutrienti che eccedono i bisogni delle colture diventando inquinanti per aria, acqua e suolo salvaguardano le acque, attuando una reale razionalizzazione della risorsa idrica. Occorre, infine, ripensare alla pressione dell’allevamento intensivo in una pianura di per sé limitata, anche per proteggere la biodiversità e lottare contro l’illegalità nei confronti degli animali e assicurare il benessere animale. 

Capitolo cave, molto sentito nel bresciano.Regione non ha ancora approvato il nuovo piano, per questo l’associazione ambientalista chiede ai consiglieri candidati di impegnarsi ad approvare tale piano riducendone notevolmente le quantità da scavare rispetto al piano odierno sovrastimato.

Sul tema del tutela delle acque, il grave deficit del sistema depurativo della provincia va sanato, per uscire dalle procedure di infrazione orientando le risorse valutando con molta attenzione i progetti molto costosi e ambientalmente impattanti, come quello attualmente in discussione per la depurazione dei reflui della sponda bresciana del Garda. Infine, per tutelare la portata d’acqua di corsi e bacini, è necessario introdurre misure più stringenti di governo delle derivazioni con finalità idroelettrica, nel reale rispetto del Deflusso Ecologico attraverso una seria catena di controllo;

Ultima, ma non per importanza, la questione dell’azione di cura e prevenzione della montagna per limitare il dissesto idrogeologico a fronte di eventi metereologici estremi sempre più frequenti. Le stesse aree naturali protette, che rappresentano buona parte del territorio montano si trovano in uno stato di relativo abbandono, mentre necessiterebbero di maggiori risorse per tutelare e valorizzare il loro patrimonio naturale in un quadro che sta mutando rapidamente.

I circoli bresciani di Legambiente: Brescia, il Gandovere Franciacorta, Brescia Est di Mazzano, Chiariambiente Ovest bresciano di Chiari, Ilaria Alpi di Erbusco, Fiume Mella di Leno, Montichiari, La Nostra Terra di Montirone, Gruppo Ecologico Pontogliese di Pontoglio, Per il Garda di Sirmione, Basso Sebino di Sulzano, Valle dell’Oglio di Orzinuovi, Vallecamonica di Darfo Boario Terme.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Un successo il primo EcoHackaton di Legambiente Lombardia, nuova linfa per l’economia circolare e le strategie ‘green’ delle imprese

Alla Social Innovation Academy di Fondazione Triulza più di cento partecipanti divisi in sedici squadre hanno confermato la necessità di continuare a innovare un settore cruciale  Tre i progetti vincitori, con idee su come innovare le 3R dell’economia circolare condivise e sviluppate con le aziende partner dell’evento Guarda il video di EcoHackaton EcoHackaton: è un successo la 24h sull’economia circolare realizzata da Legambiente in collaborazione con A2A, con main partner

Read More »
Comunicati Stampa

sabato 20 aprile 2024: presidi contro il consumo di suolo, mattina a Caravaggio (BG) e pomeriggio al Parco delle Cave (BS)

Emergenza capannoni sulle terre lombarde: fermiamo il consumo di suolo!  Il 20 aprile #salviamoilsuolo mobilita i cittadini per difendere il bene comune del suolo: presìdi al mattino al Santuario di Caravaggio (BG) e al pomeriggio al Parco delle Cave (BS) Gli ambientalisti inviano le loro richieste a maggioranza e a opposizione regionale: “si dia assoluta priorità alla rigenerazione di aree dismesse per fermare la proliferazione di insediamenti su suoli agricoli”

Read More »
Comunicati Stampa

Le indagini per l’inquinamento delle aree esterne della Tamoil di Cremona devono proseguire per altri 6 mesi

Rigettata dal GIP di Cremona la richiesta di archiviazione SCARICA QUESTO COMUNICATO STAMPA Il Giudice per le Indagini Preliminari di Cremona ha rigettato la richiesta di archiviazione del procedimento per l’inquinamento successivo al 2012 delle aree esterne, in particolare della Canottieri Bissolati, della ex raffineria Tamoil di Cremona, disponendo per i prossimi 6 mesi un supplemento di indagini. Legambiente Lombardia e il cittadino Gino Ruggeri si erano opposti nell’aprile 2023

Read More »
Comunicati Stampa

Le mani della ‘ndrangheta nel business dei rifiuti in Lombardia. L’inchiesta della DDA di Milano

Legambiente: “La criminalità organizzata da anni sta affondando le sue radici anche nel Nord Italia. La Lombardia nel 2022 quarta regione per reati nel ciclo dei rifiuti. Per fermare gli ecomafiosi e per evitare un nuovo capitolo della “terra dei fuochi”, questa volta al Nord, è fondamentale rafforzare le attività di prevenzione e di controllo, soprattutto per quanto riguarda le società di gestione dei rifiuti” “Il blitz di oggi della

Read More »