Lago Bianco: il comune di Valfurva (SO) stralcia le opere di presa d’acqua, Ora serve l’impegno per ripristinare l’ecosistema

Una delibera di giunta rimedia al rischio di perdita di biodiversità in ambiente montano

Legambiente: “Si chiude bene un capitolo preoccupante, adesso bisogna lavorare su rinaturazione e promozione di questo importante ecosistema.”

Scarica questo comunicato stampa

Il Comune di Valfurva (SO) mette la parola fine a una delle maggiori ipoteche pendenti sull’ambiente montano lombardo: l’utilizzo delle acque del Lago Bianco, a oltre duemilaseicento metri sul livello del mare, per innevare artificialmente le piste da sci in difetto di precipitazioni per la crisi climatica.

L’assetto naturale del Lago Bianco, ecosistema particolarmente unico nel suo genere per la presenza di un rock glacier che alimenta rare specie vegetali, era stato sconvolto da opere di presa e canalizzazione delle acque che avevano minacciato la sua integrità, rendendolo un “Lago da Cannoni”: da neve, naturalmente.

Decisiva l’opposizione dell’Osservatorio Parco dello Stelvio, composto da Legambiente, CAI, Pro Natura, Italia Nostra, LIPU, Mountain Wilderness, Touring Club Italiano, WWF, il coordinamento ha sostenuto la vertenza per scongiurare la distruzione dell’ecosistema e abbandonare una strategia economica ormai fuori dalla storia, sollecitando tutte gli enti competenti, compreso il Parco dello Stelvio, a prendere una decisione.

La parola fine è arrivata con una delibera di giunta del Comune di Valfurva (n° 35 del 26/04/2024), con lo stralcio in corso d’opera delle opere di presa d’acqua dal Lago Bianco e di un pozzo con relativa elettropompa nei pressi della confluenza della roggia Plaghera con il torrente Frodolfo dalla convenzione in atto con la ditta operante.

Scongiurato il pericolo, resta il problema della rinaturazione del sito, ovvero il ripristino allo stato prima degli sbancamenti, e di una sua ulteriore conservazione e valorizzazione.

“Con questo atto amministrativo chiude il capitolo della captazione delle acque del Lago Bianco per l’innevamento delle piste da sci”, dichiara Barbara Meggetto, presidente Legambiente Lombardia. “In questi mesi, con le associazioni dell’Osservatorio Parco dello Stelvio, abbiamo fatto le giuste pressioni agli enti interessati affinché si potesse arrivare a mettere la parola fine ad un intervento datato e sbagliato. Ora è necessario lavorare per il ripristino dei luoghi, per ridare nuova linfa ad un luogo unico nel suo genere. Per questo chiederemo al Comune di Valfurva, e ancor più al Parco dello Stelvio, di lavorare per arrivare in tempi brevi in questo senso. Un grazie va anche a chi della società civile ha sollecitato questo risultato.” 

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

VIII Summit Nazionale delle Bandiere Verdi di Legambiente

Premiate le innovazioni e le progettualità sostenibili espresse lungo l’arco alpino, minacciato da crisi climatica e spopolamento abitativo La Lombardia seconda a pari merito con Veneto e Valle d’Aosta con quattro bandiere verdi in più, subito dietro le cinque del Piemonte Una nuova bandiera nera è lombarda: nella bergamasca un progetto di collegamento intervallivo sciistico vecchio di venticinque anni è stato riproposto per l’approvazione Accedi qui alla cartella stampa digitale

Read More »
Comunicati Stampa

Oggi è stata la Giornata Europea dei Parchi

Le aree protette mitigano gli effetti della crisi climatica e riducono le devastazioni causate degli eventi meteorologici estremi, ma in Lombardia mancano ancora molti tasselli per tutelare i territori e la biodiversità Legambiente: “Poco è stato fatto rispetto alle nostre richieste, Regione e gli amministratori lombardi amplino le aree protette nei loro territori e chiedano il completamento di parchi e PLIS, bisogna andare molto più spediti.” Scarica questo comunicato stampa

Read More »
Comunicati Stampa

Domenica 26 maggio 2024 Bicipace, la più importante pedalata lombarda, compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo

Centinaia di cittadini in bicicletta attraverseranno come ogni anno le provincie di Milano Varese e Novara per convergere nel Parco del Ticino, arrivo alla Colonia Fluviale di Turbigo Legambiente: “La bicicletta, veicolo di pace, ricorda ogni giorno la necessità di ridurre la domanda di combustibili fossili, tra le maggiori cause di conflitti armati e di disastri ambientali.” Scarica questo comunicato stampa Scarica il programma completo in pdf di Bicipace 2024

Read More »
Comunicati Stampa

Radioattività dalle ceneri dell’acciaieria ARVEDI di Cremona: intensificare i controlli e verificare che le acciaierie lombarde siano attrezzate per espletarli

Legambiente: “Perché l’acciaieria non controlla i materiali in uscita? Chiediamo che sia data un’adeguata informativa circa la sicurezza radiologica dentro e fuori dallo stabilimento, e che sia verificata la sicurezza della discarica di scorie” Scarica questo comunicato stampa Il rilevamento di radioattività in otto container di ceneri d’acciaieria, provenienti dalla Arvedi di Cremona e avviate al trattamento presso lo stabilimento sardo di Porto Vesme, da dove sono state respinte per

Read More »