Milano e il paradosso della Motoristica Tattica, ovvero come ti educo il fanciullo a ridurre le automobili, aumentandole

ph. milanomonza.com

Milano, si sa, è una centrale globale della rigenerazione urbana, della mobilità sostenibile. Ha dichiarato l’emergenza climatica, ha preso tanta buona stampa europea con le sue ciclabili post-Covid; è la città dove le pratiche di demotorizzazione suggerite da Bloomberg alle amministrazioni di mezzo mondo hanno attecchito prima e meglio. #PiazzeAperte, il programma di urbanistica tattica invidiato da molte città italiane ha appena concluso il suo ciclo, con tanto di lancio del prossimo tema quadriennale: dalle “piazze tattiche” alle “zone scolastiche”, ovvero liberare dalle auto le adiacenze scolastiche del capoluogo lombardo.

I trentotto interventi di urbanistica tattica realizzati nel tessuto urbano meneghino poco però possono nei confronti della vera regina della città: l’automobile, sia essa parcheggiata o in movimento, ovunque presente. Seicentomila quelle dei residenti, fino a ottocentomila quelle che ogni giorno vanno e vengono dalla regione, in un poderoso respiro che da quasi un’auto ogni due milanesi si gonfia fino a oltre un’automobile per persona, neonati e moribondi compresi, ogni giorno. Considerando anche i necessari spazi di manovra fanno tremilacinquecento ettari, un quinto della superfice comunale già densamente occupata. Qualcuno pensa che tutte queste auto siano davvero troppe per la transizione ecologica in atto, ma che importa? L’automobile è velocità, energia, passione!

Ph: milanomonza.com

Perché quindi lasciare che la città si ammali del vero disagio, quello che ogni giorno sottrae parcheggi e spazio per accelerare? L’amministrazione ha prontamente reagito. Alla ridicola mania dell’urbanistica tattica (non importa se da sé stessa promossa) ecco una bella capriola per rispondere con la motoristica tattica: riprendiamo la città tolta ai motori, occupiamola fino nelle sue più prestigiose vie e piazze con automobili, automobili, automobili. Solo in bella mostra, s’intende, e temporaneamente, proprio come una piazza tattica. A motore, stavolta.

È il Milano Monza Open Air Motor Show appena concluso, con la sua vetrina maggiore proprio nel centro pedonale della città, per l’occasione trasformato appunto in un parcheggio. Oltretutto, con su un bello sconto da “saldi”: oltre quattrocentomila euro, che la città ha deciso di non mettersi certo a questuare alle case costruttrici in esposizione. Per così poco! Questo perché l’organizzazione non lucra, quindi è giusto, per “pubblico interesse”, fargli pagare solo centomila euro sui cinquecentomila previsti dalla legge per l’occupazione degli spazi, mentre le case costruttrici – che non fanno certo parte dell’organizzazione – possono esporre i loro marchi, far provare le auto e perfino venderle, in un “autosalone a cielo aperto”!

L’edizione dello scorso anno, portatrice degli stessi “valori”, non è evidentemente bastata ad aprire una riflessione interna all’amministrazione. Almeno sulla contraddizione di predicare bene sulla demotorizzazione di una delle città più punite dall’inquinamento (è ormai chiaro come anche le auto elettriche, sempre più grandi oltretutto, inquinino direttamente in strada) e da una scarsa sicurezza stradale (a Milano circa cento morti l’anno, tredicimila feriti) e razzolando poi malissimo, patrocinando un evento smaccatamente pro-automobile. Almeno, per salvare la faccia, aver fatto pagare sia gli organizzatori, sia chi per loro ha riempito Milano di brand commerciali! A chiunque altro, una casa di moda, una di elettrodomestici, non sarebbe stato presentato il conto pieno?

Di ironia su questo cataclisma di immagine per la città ce ne sarebbe da fare ancora, se non diventasse cattivo gusto. Il punto è infatti che la delibera di Giunta che ha concesso la città al MiMo è sottoscritta dalla neonata direzione “Lavoro, Giovani e Sport” e dall’assessorato “Sport, Turismo e Politiche Giovanili”. Sì, perché è proprio ai giovani che questa perlomeno discutibile manifestazione dovrebbe rivelarsi in tutto il suo contenuto edificante e soprattutto sostenibile. Come se i giovani (maschi) dell’era dell’emergenza climatica volessero ancora giocare con le macchinine, come sembrano continuare a fare gli attempati organizzatori della manifestazione, rimasti se va bene al Futurismo.

Cruciale anche il periodo, come ha spiegato l’Assessora Martina Riva: “Abbiamo scelto il primo weekend dopo la chiusura delle scuole proprio perché possa essere un momento di condivisione familiare con tanti giovani, che sono quelli che abbiamo bisogno di introdurre al mondo dell’innovazione automobilistica proprio nell’ottica di costruire un mondo sempre più sostenibile.”

Prendiamoli da piccoli: è la motoristica tattica. Adesso dovremo però anche spiegargli perché davanti alle scuole non si respira, o si rischia di essere investiti. In modo sostenibile, certo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Dossier

La siccità mette in ginocchio i laghi lombardi: ai minimi storici e in aumento la concentrazione di batteri da mancata depurazione

Presentato il dossier 2022 dei laghi di Lombardia con i risultati dei monitoraggi di Goletta dei Laghi Il perdurare della crisi idrica che sta investendo tutto il nord Italia ha ripercussioni drammatiche sullo stato di salute dei laghi e dei fiumi che attraversano la nostra regione. A rilevarlo è il dossier 2022 Laghi di Lombardia redatto da Legambiente Lombardia che raccoglie i risultati dei monitoraggi effettuati della campagna Goletta dei Laghi in

Read More »
Dossier

Comuni Rifiuti Free: 7 nuovi comuni lombarde nelle classifiche nazionali

Premiati 9 Consorzi di raccolta. Da Bergamo e Monza Brianza storie esemplari di buone pratiche di economia circolare La Lombardia si conferma una regione virtuosa non solo nella raccolta differenziata, ma anche nel recupero e riciclo dei materiali. Secondo il dossier Comuni Rifiuti Free 2022 redatto da Legambiente a livello nazionale sulla base dell’elaborazione delle risposte ai questionari su dati 2021 ricevute dai comuni che hanno preso parte all’indagine, sono 95 i comuni

Read More »
Dossier

Ecomafia: storie e numeri della criminalità ambientale in Lombardia

Prima regione in Italia per numero di arresti, settima per reati accertati, terza per il numero di incendi in impianti di trattamento dei rifiuti, quarta per illeciti nel ciclo illegale dei rifiuti Anche in Lombardia la criminalità continua affondare radici in un terreno fertile di opportunità per il proliferare di illegalità nei confronti di ambiente e animali. Nel rapporto Ecomafia, realizzato da Legambiente sui dati frutto dell’attività svolta da forze dell’ordine, Capitanerie

Read More »
Dossier

Nevediversa 2022

In Lombardia 23 impianti di risalita dismessi, 2 temporaneamente chiusi. Progetti impattanti e situazioni di degrado e abbandono minacciano paesaggi ed ecosistemi già compromessi dal cambiamento climatico La pandemia ha acuito il bisogno sempre più spiccato di attività all’aria aperta, ha fatto riscoprire il piacere del contatto con la natura. In una regione che conta il 41% della superficie montuosa, i lombardi hanno riscoperto la montagna e gli sport alpini

Read More »
Dossier

Comuni Ricicloni 2021

318 i comuni virtuosi, 30 nuovi ingressi in classifica. Nessun comune capoluogo ancora Rifiuti Free, ma Mantova si avvicina con 85kg abitante/anno. Milano sotto il 65% della raccolta differenziata, ma resta la prima metropoli in Italia. 377 i comuni che non raggiungono il 65% di differenziata. Male la provincia di Sondrio con percentuali ferme agli anni ’90  Il 2020 è stato un anno sconvolgente, emergenziale, difficile. Eppure, nonostante il repentino

Read More »
Campagne

Rapporto Pendolaria 2022

In Lombardia occorre uscire dalla crisi pandemica con infrastrutture ed esercizio del trasporto pubblico all’altezza di una grande area metropolitana europea Il rapporto Pendolaria 2022 di Legambiente rileva una situazione del TPL italiano generalmente insufficiente, in cui i numeri lombardi possono apparire consolatori, ma purtroppo non lo sono affatto se si parte dalla dimensione metropolitana della Lombardia, che come tale deve competere con le altre grandi aree metropolitane europee di

Read More »
Campagne

Flash mob #CleanCities di Legambiente e Cittadini per l’Aria

“La riprogettazione dello spazio pubblico è la chiave per la transizione ecologica nelle città” Verso la prima edizione della Giornata Nazionale delle Strade Scolastiche: cinque classi dell’IC Ciresola e del Liceo Carducci hanno occupato simbolicamente via Beroldo, una strada attigua agli istituti che studenti, dirigenti scolastici e genitori vorrebbero finalmente chiusa al traffico. Milano, 4 febbraio 2022 Bambine, ragazze, giovani liceali, docenti, dirigenti scolastici, attivisti: Tutti giù per strada! È

Read More »
Campagne

Mobilità sostenibile a Milano: presentati gli obiettivi al 2030 di Legambiente/CleanCities Campaign

Milano è sulla strada giusta, ma ancora non ci siamo su ciclabili, Città 30km/h, sicurezza stradale, inquinamento e clima Presentata oggi a Milano negli uffici dell’Assessorato alla Mobilità di Milano la scheda di valutazione della mobilità urbana alla presenza dell’Assessora Arianna Censi, della presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto, del responsabile mobilità e spazio pubblico Federico Del Prete e di Andrea Poggio, responsabile mobilità sostenibile nazionale di Legambiente.  Lo Stress Test Mobilità di

Read More »
Smog in Lombardia
Dossier

Dossier Mal’aria 2022

Per rientrare nei parametri dell’OMS le città dovrebbero ridurre mediamente del 33% le attuali concentrazioni di PM10. A Milano già oltre i 25 giorni su 35 di superamento Un gennaio grigio smog, quello appena trascorso, con il vento arrivato in modo provvidenziale a ripulire l’aria trattenendo, per il prossimo futuro, l’ultimo scampolo di giornate di sforamento dei parametri europei. Troppo poco per affrontare un intero anno all’insegna dell’inquinamento. “Se è

Read More »
Dossier

Emergenza climatica: il rapporto dell’osservatorio CittàClima

Aumentano gli eventi estremi: a Milano temperatura media salita di 2,1 gradi in 10 anni. In Lombardia un’eccessiva impermeabilizzazione del suolo e politiche di concessioni edilizie scellerate in aree a dissesto idrogeologico rendono il territorio incapace di adattarsi agli effetti della crisi climatica  Ondate di calore, piogge intense, grandinate estreme, alluvioni: anche in Lombardia l’impatto dei cambiamenti climatici è sotto gli occhi di tutti e i dati sull’accelerazione di questi fenomeni sono

Read More »
Dossier

Ecomafia: i numeri dell’illegalità ambientale

Lombardia settima regione in Italia per reati accertati, terza per il numero di incendi in impianti di trattamento dei rifiuti, quarta per illeciti nel ciclo illegale dei rifiuti. Brescia al 13° posto tra le province italiane.  L’Ecomafia non conosce lockdown e quarantene, e non risparmia l’ambiente, anche in Lombardia. A fotografare la situazione è il nuovo rapporto Ecomafia 2021, realizzato da Legambiente, che ha analizzato i dati frutto dell’attività svolta

Read More »
Dossier Mobilità
Dossier

Bonus mobilità

Negli ultimi cinque anni l’Italia ha dimostrato di voler intraprendere un serio percorso di rivalutazione della ciclabilità, non più come semplice alternativa “green” per la mobilità individuale ma come credibile proposta per una transizione sostenibile (economicamente, socialmente, ecologicamente) di città e territori. Dopo la Dichiarazione di Lussemburgo dell’ottobre del 2015, che in sede UE ha di fatto equiparato la ciclabilità a tutte le altre modalità di trasporto, l’Italia ha mostrato

Read More »
Goletta dei laghi
Dossier

Goletta dei laghi

Si è conclusa la tappa lombarda di Goletta dei Laghi, la campagna di Legambiente di monitoraggio delle acque dei bacini italiani, giunta quest’anno alla sua 16^ edizione, realizzata in collaborazione con Novamont e CONOU – Consorzio Nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati. Ci si è soffermati su temi quali l’inquinamento microbiologico, l’illegalità, gli scarichi abusivi, la perdita di biodiversità, la sicurezza della navigazione, le speculazioni

Read More »