Parco Agricolo Sud: protesta di associazioni e sindaci contro il progetto di legge regionale 218

No alla “legge ammazzaparco”. Torniamo a chiedere la realizzazione del Parco Metropolitano, una reale opportunità per ridare ossigeno ai cittadini e creare economia, lavoro e natura

Legambiente è a fianco delle associazioni del Parco Agricolo Sud Milano e di 43 sindaci della Città Metropolitana, che hanno organizzato un sit-in di protesta davanti a Palazzo Pirelli, dove la Giunta regionale discuterà il progetto di legge per togliere la gestione diretta del Parco all’amministrazione metropolitana. Una scelta politica che associazioni e primi cittadini contestano e che, approvata in commissione VIII Agricoltura Montangna Foreste e Parchi, prevede, tra le altre norme, anche la nomina diretta del direttore del Parco da parte della Regione, oltre ad un’ingerenza regionale nel Consiglio e tempi così stretti per mettere in funzione il nuovo ente che non tengono conto di progetti, attività e piani in essere e dei lavoratori coinvolti dell’attuale gestione.

Legambiente chiede al Consiglio Regionale di non portare in discussione la nuova proposta, ritirando il Pdl 218 e rilanciando il tavolo aperto a suo tempo con l’Assessore Rolfi dove Parco Nord Milano e Parco Agricolo Sud Milano avevano posto l’attenzione su una diversa configurazione dell’ambito territoriale, così come indicato dalla legge 28/2016, nell’ottica di una riorganizzazione su scala metropolitana. Incontri che, partiti nel 2019 si sono interrotti a giugno 2021 senza arrivare ad una conclusione. 

“Quel che vediamo è una governance nelle mani della Regione che mina di fatto la legge istitutiva dei parchi, la 86/83 – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia –. Così si depotenziano tutela e protezione degli ecosistemi in nome di quanti, tra politica agricola e pianificazione urbanistica, vorrebbero vedere i parchi relegati ad un ruolo secondario. Altro che rilancio del Parco Agricolo Sud di Milano. Torniamo a chiedere la realizzazione del Parco Metropolitano e agricolo milanese, che, comprendendo parchi regionali quelli locali di interesse sovracomunale, i 230 fontanili attivi, i 3800 km di canali irrigui e i 3milioni di alberi di Forestami di Città Metropolitana, andrebbe a costituire uno dei più grandi parchi d’Europa. Una reale opportunità per ridare ossigeno ai cittadini e creare economia, lavoro e natura”.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Aria ‘malata’, con il tempo caldo e stabile torna l’inquinamento da ozono in Lombardia

Le principali cause di questo pericoloso inquinamento sono da attribuire ai settori dei trasporti stradali, agricoltura e all’uso dei solventi Legambiente: “Molta strada ancora da fare per restituire ai cittadini lombardi un’aria sana, ancora insufficienti sono gli sforzi di riduzione.” Scarica questo comunicato stampa L’estate è finalmente arrivata anche nel Nord Italia, con caldo e cielo sereno. Insieme al caldo è però arrivato anche il principale nemico dei polmoni dei

Read More »
Comunicati Stampa

Qualità dell’aria, nuove evidenze dell’impatto degli allevamenti intensivi: un terzo delle polveri sottili nell’aria della Pianura Padana è di origine zootecnica

I risultati della ricerca sull’inquinamento da fonte agricola in Pianura Padana pubblicati sulla rivista scientifica «Frontiers in Environmental Sciences» Legambiente: “Coinvolgere pienamente l’agricoltura nella transizione ecologica della nostra economia, abbiamo accumulato troppi ritardi” Scarica questo comunicato stampa Scarica il comunicato stampa di CMCC Vai alla pubblicazione su «Frontiers in Environmental Sciences»  È l’ammoniaca, il gas rilasciato da liquami zootecnici e campi troppo intensamente fertilizzati con urea e letami, la responsabile della

Read More »
ClimaxPo

La giornata del Big Jump, oggi in Lombardia tre appuntamenti

Olona, Ticino e Po i corpi idrici protagonisti dei flash mob Il progetto LIFE – Climax PO Legambiente: “La Lombardia rimane indietro su standard qualitativi EU, troppo pochi i passi avanti fatti da depurazione e riqualificazione.” Scarica il comitato stampa nazionale di Climax Po / Big Jump con link ai file multimediali (aggiornati dalle 15:00) Legambiente e il progetto Europeo Life Climax Po aderiscono al Big Jump, la campagna dell’European

Read More »
Comunicati Stampa

Ecomafia 2024: al Nord la Lombardia è saldamente in testa per i reati ambientali

Il rapporto di Legambiente celebra 30 anni di impegno dalla sua prima pubblicazione Legambiente: “Politica alzi la guardia nei confronti delle organizzazioni della criminalità ambientale ed economica” Scarica Ecomafia 2024 Scarica il comunicato stampa nazionale con il link ai file multimediali Scarica le tabelle con i dati regionali “Dall’analisi dei dati contenuti nel Rapporto Ecomafia 2024 la Lombardia si conferma la prima regione del Nord Italia in quasi tutte le

Read More »