Riscaldamenti, da domani si possono accendere a Milano e in molte città lombarde. Ma non c’è fretta

Secondo le previsioni dell’Osservatorio Meteo Duomo, le temperature scenderanno, ma resteranno sopra la media

Da domani a Milano e in diversi altri capoluoghi sarà consentito accendere gli impianti termici di case, condomini e uffici. Ma sarà davvero necessario? Di sicuro, a partire da oggi, si farà notare l’ingresso sul nord Italia della prima perturbazione di carattere marcatamente autunnale. Le temperature medie scenderanno, di 4-5°C rispetto alle scorse calde settimane, probabilmente pioverà e l’aumento di umidità aumenterà la sensazione di disagio termico: di sicuro è arrivato il momento di cambiare il guardaroba, riponendo definitivamente l’abbigliamento estivo. Ma niente panico, “sarà un clima solo più vicino alla norma stagionale, ed anzi con temperature più miti di quelle tipiche degli ultimi anni: rispetto ad una temperatura media di circa 11.6 °C tipica della prima decade di novembre, nei prossimi giorni la temperatura media oscillerà intorno ai 14-15 °C, rimarcando la tendenza dell’ultimo decennio durante il quale la temperatura media a Milano è cresciuta di circa 1,3°C rispetto ai dati storici” dichiara Samantha Pilati, responsabile dei servizi meteo di Fondazione OMD.

Quindi in realtà potremo godere ancora per un po’ del ‘benefit’ termico che i nostri edifici hanno accumulato nelle scorse settimane quasi estive. I più fortunati saranno ovviamente quanti dispongono di edifici energeticamente efficienti, adeguatamente dotati di cappotti e isolamenti termici: il calore accumulato dalle murature potrà assicurare condizioni di comfort termico ancora per diversi giorni, prima che si renda necessaria l’integrazione degli impianti di climatizzazione. Ma anche chi ha una casa di modeste prestazioni energetiche, purché con infissi aggiornati e adeguati sistemi di regolazione termica, potrà ridurre i costi (e le emissioni!) del riscaldamento, con comportamenti adeguati nella propria casa e nell’ambiente di lavoro. “Di fronte a costi di riscaldamento aumentati a dismisura, possiamo limitare i danni per i bilanci familiari mettendo a punto strategie di risparmio, che ci consentano di superare l’inverno in condizioni di buon comfort termico tagliando sprechi, inefficienze e cattivi usi dell’energia termica. Certo si tratta di una magra consolazione per tante famiglie in difficoltà economica, ma un cambio di abitudini potrà produrre miglioramenti a lungo termine, con grande beneficio anche per la riduzione di inquinamento ed effetto serra” dichiara Barbara Meggetto presidente di Legambiente Lombardia.

IL DECALOGO DI LEGAMBIENTE PER UN INVERNO A BASSO IMPATTO

– rispettate le disposizioni di legge che prevedono che, in Pianura Padana, gli impianti termici debbano essere in funzione per max 13 ore/giorno e con una regolazione termica a 19°C

– indossate abiti caldi anche in casa

– impostate il riscaldamento della zona notte a temperature più basse di quella della zona giorno (ad esempio termovalvole in posizione 2 nelle stanze da letto, 3 in soggiorno)

– effettuate il ricambio d’aria preferibilmente nelle ore meno fredde (primo pomeriggio), aprendo contemporaneamente tutte le finestre per non oltre 5 minuti

– effettuate la manutenzione annuale e il controllo fumi dell’impianto termico

– collocate un pannello termoisolante e riflettente nello spazio tra parete e termosifoni, quando questi sono installati su muri esterni dell’edificio, per limitare le perdite di calore

– mantenete libero lo spazio sovrastante i termosifoni (niente copricaloriferi, tessuti o altri oggetti appoggiati) per assicurarne un funzionamento efficiente

– preferite la doccia al bagno e limitate il consumo di acqua calda sanitaria

– l’umidità atmosferica in casa peggiora il disagio termico e favorisce la formazione di muffe: usate sempre i coperchi nella cottura di alimenti e ricambiate l’aria in bagno dopo la doccia. Utilizzate il deumidificatore nel locale in cui vengono stesi i panni ad asciugare.

– programmate la ristrutturazione energetica della vostra abitazione: non è un dramma se avete perso il treno del superbonus, potete sfruttare gli incentivi esistenti per un programma di interventi che vi permetta di rinnovare gli infissi, installare impianti a fonti rinnovabili, cambiare l’impianto termico, isolare murature e coperture, entro un arco di tempo compatibile con il vostro bilancio familiare.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Un successo il primo EcoHackaton di Legambiente Lombardia, nuova linfa per l’economia circolare e le strategie ‘green’ delle imprese

Alla Social Innovation Academy di Fondazione Triulza più di cento partecipanti divisi in sedici squadre hanno confermato la necessità di continuare a innovare un settore cruciale  Tre i progetti vincitori, con idee su come innovare le 3R dell’economia circolare condivise e sviluppate con le aziende partner dell’evento Guarda il video di EcoHackaton EcoHackaton: è un successo la 24h sull’economia circolare realizzata da Legambiente in collaborazione con A2A, con main partner

Read More »
Comunicati Stampa

sabato 20 aprile 2024: presidi contro il consumo di suolo, mattina a Caravaggio (BG) e pomeriggio al Parco delle Cave (BS)

Emergenza capannoni sulle terre lombarde: fermiamo il consumo di suolo!  Il 20 aprile #salviamoilsuolo mobilita i cittadini per difendere il bene comune del suolo: presìdi al mattino al Santuario di Caravaggio (BG) e al pomeriggio al Parco delle Cave (BS) Gli ambientalisti inviano le loro richieste a maggioranza e a opposizione regionale: “si dia assoluta priorità alla rigenerazione di aree dismesse per fermare la proliferazione di insediamenti su suoli agricoli”

Read More »
Comunicati Stampa

Le indagini per l’inquinamento delle aree esterne della Tamoil di Cremona devono proseguire per altri 6 mesi

Rigettata dal GIP di Cremona la richiesta di archiviazione SCARICA QUESTO COMUNICATO STAMPA Il Giudice per le Indagini Preliminari di Cremona ha rigettato la richiesta di archiviazione del procedimento per l’inquinamento successivo al 2012 delle aree esterne, in particolare della Canottieri Bissolati, della ex raffineria Tamoil di Cremona, disponendo per i prossimi 6 mesi un supplemento di indagini. Legambiente Lombardia e il cittadino Gino Ruggeri si erano opposti nell’aprile 2023

Read More »
Comunicati Stampa

Le mani della ‘ndrangheta nel business dei rifiuti in Lombardia. L’inchiesta della DDA di Milano

Legambiente: “La criminalità organizzata da anni sta affondando le sue radici anche nel Nord Italia. La Lombardia nel 2022 quarta regione per reati nel ciclo dei rifiuti. Per fermare gli ecomafiosi e per evitare un nuovo capitolo della “terra dei fuochi”, questa volta al Nord, è fondamentale rafforzare le attività di prevenzione e di controllo, soprattutto per quanto riguarda le società di gestione dei rifiuti” “Il blitz di oggi della

Read More »