32a Rassegna-degustazione nazionale di Legambiente in Maremma: tre i vini lombardi selezionati per i riconoscimenti ai migliori vini biologici e biodinamici d’Italia

Segnalata anche un’azienda per la sostenibilità ambientale nell’ambito del processo produttivo ‘dal campo alla tavola’.

Legambiente: “La ormai decennale vetrina per produttrici e produttori del Made in Italy che agiscono la transizione ecologica premia ancora una volta la Lombardia più attenta alla agroecologia”

Il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani, con il titolare dell’azienda L’Ulif di Polpenazze del Garda (BS), segnalata per il Riviera del Garda Classico DOC Spumante Rosé Brut millesimato 2022 Valzer a Festambiente, Rispescia (GR) l’8 giugno 2024.

Scarica il comunicato stampa nazionale

Vai alla pagina web di Festambiente

Scarica questo comunicato stampa

Si è conclusa con l’ennesimo successo lo scorso 8 giugno a Rispescia (GR), nel cuore della Maremma toscana, la 32a edizione della Rassegna-degustazione nazionale dei vini biologici e biodinamici di Legambiente. Duecentonovantasei vini da diciannove regioni, dai quali sono state ‘segnalate’ trentatré etichette, alla presenza di numerosi ospiti istituzionali e del presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani.

La Lombardia ha incassato la segnalazione di tre vini importanti, prodotti con filiera biologica. Nella categoria Selezione Vini Rosati entra il Bergamasca IGT Franconia 2022 Elegia di Oikos Coop Soc. di Villa d’Almè (BG); per i Rossi Affinati il Curtefranca DOC 2020 della Az. Agr. Ricci Curbastro G. & Figli s.s. di Capriolo (BS), mentre per gli spumanti ha raggiunto la selezione il Riviera del Garda Classico DOC Spumante Rosé Brut millesimato 2022 Valzer, de L’Ulif di Polpenazze del Garda (BS).

La targa SOSTENIBILITÀ 2024 è stata assegnata a Barone Pizzini Soc. Agr. di Provaglio d’Iseo (BS), come azienda che si è distinta per la sostenibilità ambientale del processo produttivo ‘dal campo alla tavola’.

“Oggi più che mai serve una svolta chiara e drastica verso l’agroecologia,” ha commentato a margine dell’evento il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani. “È necessaria sia dal punto di vista ambientale che economico, anche per essere più competitivi sul mercato globale. In caso contrario, sarà sempre più complesso garantire la sopravvivenza del settore agricolo e assicurare cibo più sano alle cittadine e ai cittadini. Il ruolo dell’Europa sarà cruciale e dovrà andare nella giusta direzione, riallineandosi alle Strategie europee From farm to fork e Biodiversity e tornando a lavorare su misure ambientali strategiche e prioritarie, abbandonate dopo la rivolta dei trattori. Serve un nuovo patto per il futuro, non possiamo permetterci passi indietro.”

“Ci auguriamo che sempre più produttori seguano l’esempio delle aziende che già promuovono l’agroecologia nella regione,” commenta Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “La Lombardia ha bisogno di imboccare la strada dell’agricoltura di qualità in tutti i settori, valorizzando così le caratteristiche dei territori e proteggendo la biodiversità.”

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Aria ‘malata’, con il tempo caldo e stabile torna l’inquinamento da ozono in Lombardia

Le principali cause di questo pericoloso inquinamento sono da attribuire ai settori dei trasporti stradali, agricoltura e all’uso dei solventi Legambiente: “Molta strada ancora da fare per restituire ai cittadini lombardi un’aria sana, ancora insufficienti sono gli sforzi di riduzione.” Scarica questo comunicato stampa L’estate è finalmente arrivata anche nel Nord Italia, con caldo e cielo sereno. Insieme al caldo è però arrivato anche il principale nemico dei polmoni dei

Read More »
Comunicati Stampa

Qualità dell’aria, nuove evidenze dell’impatto degli allevamenti intensivi: un terzo delle polveri sottili nell’aria della Pianura Padana è di origine zootecnica

I risultati della ricerca sull’inquinamento da fonte agricola in Pianura Padana pubblicati sulla rivista scientifica «Frontiers in Environmental Sciences» Legambiente: “Coinvolgere pienamente l’agricoltura nella transizione ecologica della nostra economia, abbiamo accumulato troppi ritardi” Scarica questo comunicato stampa Scarica il comunicato stampa di CMCC Vai alla pubblicazione su «Frontiers in Environmental Sciences»  È l’ammoniaca, il gas rilasciato da liquami zootecnici e campi troppo intensamente fertilizzati con urea e letami, la responsabile della

Read More »
ClimaxPo

La giornata del Big Jump, oggi in Lombardia tre appuntamenti

Olona, Ticino e Po i corpi idrici protagonisti dei flash mob Il progetto LIFE – Climax PO Legambiente: “La Lombardia rimane indietro su standard qualitativi EU, troppo pochi i passi avanti fatti da depurazione e riqualificazione.” Scarica il comitato stampa nazionale di Climax Po / Big Jump con link ai file multimediali (aggiornati dalle 15:00) Legambiente e il progetto Europeo Life Climax Po aderiscono al Big Jump, la campagna dell’European

Read More »
ClimaxPo

Domenica 14 luglio 2024 è la giornata internazionale del Big Jump, il salto nei fiumi europei per preservarne la qualità delle acque e la biodiversità

Tre i flash mob in Lombardia, sul Po, sul Ticino e sull’Olona Legambiente: “Big Jump è un tuffo condiviso che sollecita azioni, per tornare balneabili i fiumi lombardi devono essere tutelati con azioni concrete.” Anche quest’anno Legambiente aderisce al Big Jump, una campagna annuale di sensibilizzazione promossa a livello europeo a partire dal 2002 dall‘European Rivers Network. L’iniziativa prevede un tuffo simbolico nei fiumi per richiamare l’attenzione sulla qualità delle

Read More »