Carpiano, nel Parco Agricolo Sud Milano, riceve proposta per ‘ospitare’ 645.000 mq di asfalto e capannoni

Legambiente: “Il Parco Agricolo Sud Milano non è in vendita”

Un’area del Parco Agricolo Sud Milano, nel quale è compreso il comune di Carpiano, potrebbe perdere la sua specificità paesaggistica (protetta) e la sua produttività agricola per ospitare un altro parco, ma di capannoni industriali. Una superficie grande come sessanta campi da calcio ‘liberata’ per permettere il transito di mezzi pesanti e lo stoccaggio delle merci, nella regione a più alto consumo di suolo della nazione, la Lombardia.

La fragilità della Città Metropolitana di Milano, in capo alla quale è la gestione del Parco Agricolo Sud Milano, autorizza evidentemente a tentare più o meno qualunque cosa: il cambio di governance tra CMM e Regione Lombardia, già definito dalla nuova disciplina e in via di completamento, non ha infatti impedito agli operatori immobiliari di fare proposte temerarie ai piccoli comuni, con i quali è più facile negoziare da posizioni di forza.

Da un accesso agli atti chiesto da Legambiente Lombardia emerge l’ennesima minaccia alle aree protette. A Carpiano, un piccolo centro al confine Sud della Città Metropolitana di Milano, la AKNO Group, multinazionale dell’immobiliare che “opera nel settore del mercato immobiliare ed edilizio imponendosi oggi come leader nella realizzazione e gestione di progetti industriali e logistici a livello globale”, ha ufficializzato la richiesta di sviluppare un nuovo parco logistico su un’area agricola di 645.000 mq, di cui 208.000 coperti da capannoni, da adibire a “ricezione, stoccaggio, assemblaggio e spedizioni” di merci, e il resto da piazzali, opere stradali e parcheggi con relative aiuole.

Per convincere i diversi enti pubblici coinvolti ad eliminare i vincoli esistenti sul territorio del parco regionale, l’operatore è inoltre disposto a versare, oltre ai normali oneri urbanistici, la cifra di 15 milioni di euro. Si tratta di cifre da capogiro in rapporto ai bilanci degli enti locali: 4 milioni al Comune di Carpiano, 3 milioni ai Comuni confinanti e ben 5 milioni di euro all’ente Parco Sud (il cui bilancio annuale non arriva a un milione e mezzo!). E poi altri 3 milioni per ampliare la viabilità locale, visto il carico di congestione che una nuova logistica comporterebbe nell’area. Peccato che i terreni da sigillare con asfalto e edificazione NON siano fabbricabili. In buona sostanza, l’operatore sta chiedendo, neanche troppo velatamente, di poter sviluppare il proprio parco logistico al di fuori sia del piano urbanistico comunale, sia del piano del Parco Agricolo Sud Milano.

“Il Parco Agricolo Sud Milano non è in vendita,” afferma Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “Vorremmo fosse questa la risposta di tutti gli enti locali alle cui porte bussano gli operatori immobiliari della logistica industriale. I sindaci non devono essere lasciati soli a fronteggiare simili controparti: non ha senso gestire per oltre trenta anni un’area protetta per poi consegnare i suoi campi al primo immobiliarista che passa. Dovrebbe essere la stessa Regione Lombardia, che recentemente ha approvato per legge la modifica della governance del parco, ad usare i suoi poteri non solo per aumentare la sua influenza sull’ente gestore, ma anche per fissare paletti chiari nei confronti di un settore logistico che, oltre a consumare suolo, si porta dietro grandi aumenti di traffico pesante e di conseguente inquinamento”.

ARTICOLO DEL “FATTO QUOTIDIANO”

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Aria ‘malata’, con il tempo caldo e stabile torna l’inquinamento da ozono in Lombardia

Le principali cause di questo pericoloso inquinamento sono da attribuire ai settori dei trasporti stradali, agricoltura e all’uso dei solventi Legambiente: “Molta strada ancora da fare per restituire ai cittadini lombardi un’aria sana, ancora insufficienti sono gli sforzi di riduzione.” Scarica questo comunicato stampa L’estate è finalmente arrivata anche nel Nord Italia, con caldo e cielo sereno. Insieme al caldo è però arrivato anche il principale nemico dei polmoni dei

Read More »
Comunicati Stampa

Qualità dell’aria, nuove evidenze dell’impatto degli allevamenti intensivi: un terzo delle polveri sottili nell’aria della Pianura Padana è di origine zootecnica

I risultati della ricerca sull’inquinamento da fonte agricola in Pianura Padana pubblicati sulla rivista scientifica «Frontiers in Environmental Sciences» Legambiente: “Coinvolgere pienamente l’agricoltura nella transizione ecologica della nostra economia, abbiamo accumulato troppi ritardi” Scarica questo comunicato stampa Scarica il comunicato stampa di CMCC Vai alla pubblicazione su «Frontiers in Environmental Sciences»  È l’ammoniaca, il gas rilasciato da liquami zootecnici e campi troppo intensamente fertilizzati con urea e letami, la responsabile della

Read More »
ClimaxPo

La giornata del Big Jump, oggi in Lombardia tre appuntamenti

Olona, Ticino e Po i corpi idrici protagonisti dei flash mob Il progetto LIFE – Climax PO Legambiente: “La Lombardia rimane indietro su standard qualitativi EU, troppo pochi i passi avanti fatti da depurazione e riqualificazione.” Scarica il comitato stampa nazionale di Climax Po / Big Jump con link ai file multimediali (aggiornati dalle 15:00) Legambiente e il progetto Europeo Life Climax Po aderiscono al Big Jump, la campagna dell’European

Read More »
Comunicati Stampa

Ecomafia 2024: al Nord la Lombardia è saldamente in testa per i reati ambientali

Il rapporto di Legambiente celebra 30 anni di impegno dalla sua prima pubblicazione Legambiente: “Politica alzi la guardia nei confronti delle organizzazioni della criminalità ambientale ed economica” Scarica Ecomafia 2024 Scarica il comunicato stampa nazionale con il link ai file multimediali Scarica le tabelle con i dati regionali “Dall’analisi dei dati contenuti nel Rapporto Ecomafia 2024 la Lombardia si conferma la prima regione del Nord Italia in quasi tutte le

Read More »