Comuni Ricicloni 2023

308 comuni virtuosi, 25 nuovi entrati in classifica, il 20% dei comuni lombardi, mentre sono 372 i comuni che non raggiungono il 65% di differenziata. Premiati nell’ambito dell’Ecoforum Lombardia a Cascina Triulza

Sono 308 i comuni virtuosi che entrano nella classifica Comuni Rifiuti Free per avere un residuo secco non riciclabile inferiore a 75kg abitante anno. Si tratta di percentuali in linea con gli anni precedenti: il 20,5% dei comuni lombardi, pari al 17% dei cittadini. Nella graduatoria, per la prima volta anche 25 comuni, un dato importante come segnale di attenzione verso la prevenzione dei rifiuti. È il quadro che emerge dalla 29^ edizione del dossier Comuni Rifiuti Free – Comuni Ricicloni, il rapporto di Legambiente Lombardia su elaborazione di ARS Ambiente dei dati 2021 forniti da Arpa Lombardia attraverso il sistema O.R.S.O. presentato oggi in occasione dell’Ecoforum Economia Circolare.

Tab. 1 Comuni Rifiuti Free per provincia

Un dossier, quello di Comuni Ricicloni, che ormai da 29 anni monitora le performance delle amministrazioni lombarde nella gestione dei rifiuti. Un elenco che, ancorché mettere in competizione i comuni, invita gli enti pubblici e le aziende di gestione, a promuovere e migliorare la raccolta differenziata nei territori con obiettivi sfidanti: raggiungere almeno il 65% di raccolta differenziata, aumentare la qualità delle frazioni raccolte, introdurre la raccolta dell’organico in tutti i comuni e, infine, monitorare l’effettivo recupero di materia.

«Continuare su questa strada è necessario per abbassare ulteriormente la quantità di rifiuti, elevare la qualità delle frazioni differenziate e avviare un processo di economia circolare – sottolinea Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia -. Come Legambiente non possiamo che esprimere il nostro ringraziamento alle cittadine e ai cittadini, alle amministrazioni comunali e alle aziende, che tenacemente hanno contribuito ad una corretta gestione dei rifiuti nella nostra regione. Rimane però un lavoro importante da continuare, per assolvere agli obiettivi del PRGR, per implementare il riuso e misurare l’effettivo riciclo. Un dovere verso l’ambiente, ma anche una via ambiziosa per la trasformazione delle imprese in senso sostenibile e circolare».

Purtroppo, nessuna delle grandi città riesce ad entrare in classifica Rifiuti Free, sebbene i capoluoghi raggiungano quasi tutti, e alcuni addirittura superino abbondantemente, il 65% di raccolta differenziata. Tra questi, solo Mantova riesce ad avvicinarsi con 85,5Kg ab/anno (sui 75kg richiesti) e una percentuale di raccolta differenziata all’83,3%.

Tab. 2 Performance dei Comuni capoluogo

Milano con il 62,5%, pur rimanendo sotto la soglia indicata, è l’unica tra le grandi città italiane con una performance di gestione che trova uguali solo in alcune capitali europee. Chiudono la classifica la città di Pavia che si ferma al 60,5% e quella di Sondrio al 55%. Percentuali queste ultime che trascinano anche le intere province. Pavia, infatti, con 138 comuni su 186, il 74% del totale, e Sondrio, con 63 su 77, l’82% dei comuni, rimangono al di sotto dello standard richiesto dal decreto legislativo 152/2006 che indicava il raggiungimento della soglia del 65% di raccolta differenziata entro il 2012 per tutti. Ma sono 372 i comuni che in tutta la Lombardia non raggiungono tale soglia, dei quali 27 sono regrediti rispetto all’anno precedente. Tra i peggiori anche alcuni grandi comuni come Cinisello Balsamo, Vigevano e San Giuliano Milanese, oltre alle già citate città di Milano, Pavia e Sondrio. Dando uno sguardo alle province, sono 61 su 148 i comuni con i dati più negativi nel comasco, 46 su 243 nel bergamasco, 15 su 84 nel lecchese, 22 su 205 nel bresciano, 17 su 133 nel milanese, 5 su 136 nel varesotto, 3 su 113 nel cremasco, 2 su 60 nel lodigiano. Risultano virtuose, da questo punto di vista, solo le province di Mantova e Monza Brianza.

Tab. 3 Comuni sotto la soglia del 65% di raccolta differenziata

Anche per la frazione organica, obbligatoria per tutti i comuni a partire da gennaio 2022, l’obiettivo non è ancora stato raggiunto. Sono infatti oltre 400 i comuni che raccolgono parzialmente, o addirittura per nulla, l’umido nel loro territorio. Anche in questo caso, si tratta di uno degli obiettivi del PRGR, programma regionale di gestione dei rifiuti, che indica come impegno “la raccolta della FORSU implementata in tutti i Comuni, raggiungendo almeno 60 kg per abitante all’anno, da misurare come somma tra raccolta differenziata e compostaggio domestico o di comunità”. Ma non solo, scopo del piano è anche estendere il modello di raccolta porta a porta al 100% dei comuni lombardi.

LEGGI IL DOSSIER COMUNI RICICLONI

I Comuni Rifiuti Free sono stati premiati dal direttore generale di Legambiente Giorgio Zampetti, dal direttore di Legambiente Lombardia Andrea Causo e dal direttore settore attività produttive e controlli di Arpa Lombardia Sergio Padovani, nell’ambito della sesta edizione di Ecoforum Rifiuti Lombardia, tenutasi oggi al MIND in Cascina Triulza. L’evento organizzato da Legambiente Lombardia, con il patrocinio di Regione Lombardia, Comune di Milano e ANCI Lombardia e con la collaborazione di ARPA Lombardia e il supporto di A2A e Silea e la partnership di Gruppo Mauro Saviola, Saint-Gobain e Cartiera dell’Adda è l’annuale appuntamento che si prefigge di promuovere progetti multidisciplinari con i diversi stakeholder nazionali e internazionali, mettendo in relazione diverse realtà tra istituzioni, imprese, università, istituti di ricerca per farle dialogare e dare una spinta ai processi di innovazione in corso, spesso isolati e disaggregati.

«Ecoforum è diventato un appuntamento importante di incontro e confronto tra aziende, enti pubblici e imprese sociali sull’economia circolare. Ogni anno mettiamo in rete esempi d’innovazione industriale nella gestione sostenibile dei rifiuti, nel riuso e nel riciclaggio – sottolinea Andrea Causo, direttore di Legambiente Lombardia –. La sfida della transizione ecologica nella nostra regione è legata non solo alla capacità dei comuni e delle aziende di gestire al meglio i rifiuti, ma anche alla possibilità di incentivare impianti in grado di recuperare e riutilizzare in maniera sempre più efficiente i materiali».

Diverse aziende ospiti al forum, infatti, si collocano nel campo dell’innovazione, sia per la produzione sia per il recupero di materia.

GUARDA LA DIRETTA DELL’EVENTO

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Grandi dighe in Lombardia: siamo al sicuro a 100 anni dalla tragedia del Gleno?

I grandi invasi sono una risorsa essenziale per la sicurezza energetica e l’approvvigionamento idrico, ma tra obsolescenza strutturale e concessioni scadute il sistema delle dighe e delle infrastrutture idriche lombarde è in stallo Legambiente: “Il rinnovo delle grandi concessioni idroelettriche è una priorità assoluta, sia per il sistema energetico sia per la sicurezza della popolazione” Il 1° dicembre è una data funesta per le popolazioni della Val di Scalve e

Read More »
Comunicati Stampa

Ecomafie più forti in Lombardia, preoccupazione per il traffico dei rifiuti, la fauna, i grandi eventi e l’effetto dei finanziamenti PNRR

La regione è prima nel Nord Italia per i reati contro l’ambiente, sesta su base nazionale; cresce nel traffico di rifiuti, staccando la Calabria, con un quarto dei procedimenti penali nazionali negli ultimi venti anni Balzo in avanti anche per ciò che riguarda i reati contro la fauna, dall’undicesimo al sesto posto, + 26% Legambiente: “Priorità al potenziamento del sistema regionale dei controlli ambientali, evidente squilibrio di risorse con investimenti

Read More »
Blog

I sensori che mancano a Matteo Salvini

di Federico Del Prete* La sicurezza stradale non è quasi mai in cima all’agenda delle priorità dei governi italiani, se non come motivo di proclama o come tattica di contorno su temi diversi. Meno ancora lo è in quella dei media, dove compare giusto in occasione delle tragedie più efferate, e usando sempre l’ormai ridicolo incipit di ‘incidente’. Eppure, sarebbe la vera sicurezza di cui avrebbe bisogno questo paese. Non

Read More »