I cantieri della transizione ecologica arrivano in Lombardia per la XV tappa della campagna nazionale di Legambiente dedicata agli esempi che servono al Paese e che meritano di essere replicati

L’esperienza innovativa del sistema di collettamento fognario e depurazione dei comuni di Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme (BS) di A2A Ciclo Idrico

Circa 9 milioni di litri/giorno di acqua disponibili per il riutilizzo agricolo hanno permesso ai tre comuni di uscire dall’infrazione europea

Legambiente: “L’Italia soffre della piaga deIla maladepurazione. nonostante i depuratori siano impianti strategici per la transizione ecologica. Si acceleri quindi il completamento dei lavori della rete impiantistica e fognaria, prevedendo più risorse, l’ammodernamento degli impianti di depurazione esistenti e il riutilizzo delle acque”

L’impianto A2A di Gavardo (BS)

Le acque reflue da problema a importate risorsa per la transizione ecologica, in grado di fornire acqua (sia per uso agricolo che per uso industriale), materie prime seconde ed energia rinnovabile. Specie in un Paese come l’Italia che da decenni soffre della brutta piaga della maladepurazione, su cui gravano quattro procedure di infrazione da parte dell’Europa per la mancata conformità alla Direttiva Acque Reflue (91/271/CEE) e che ha già pagato sanzioni pecuniarie per oltre 142 milioni di euro.

Un cambio di rotta urgente su cui torna ad accende i riflettori Legambiente, in occasione della XV tappa della campagna nazionale “I cantieri della transizione ecologica. Verso il XII congresso nazionale” dedicata alle buone pratiche che servono al Paese e che meritano di essere replicate, che ha fatto ritorno in Lombardia (dopo le tappe a Gavardo il 28 giugno e a Milano il 19 settembre) raccontando l’esperienza innovativa del Nuovo sistema di collettamento fognario e depurazione dei comuni di Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme (BS) di A2A Ciclo Idrico, il gestore del servizio idrico integrato dell’area.

Entrato in funzione dopo i lavori di ammodernamento a fine 2021, l’impianto rappresenta un esempio virtuoso di gestione razionale e sostenibile delle risorse idriche, tanto da aver permesso ai tre comuni bresciani (Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme) di uscire dall’infrazione europea (2014/2059) per l’insufficienza della capacità del depuratore esistente (10.000 Abitanti Equivalenti contro un bacino sotteso di più di 12.000 abitanti). Si tratta di uno degli 8 depuratori già entrati in funzione realizzati da A2A Ciclo Idrico (a cui si sommeranno 2 che saranno completati nei prossimi mesi) ed ha una capacità di trattamento di 36.000 Abitanti Equivalenti ed è dimensionato in modo da supportare lo sviluppo demografico al 2045. Con l’utilizzo a valle del processo di trattamento biologico di una sezione di filtrazione finale e disinfezione ad ultravioletti, l’impianto consente di reimmettere in ambiente circa 9 milioni di litri/giorno di acqua disponibile per il riutilizzo agricolo.

Parte dell’acqua depurata viene inoltre reimpiegata all’interno dell’impianto stesso, riducendo l’utilizzo di acqua potabile e consentendo un sistema circolare virtuoso. Inoltre, garantisce un abbattimento dei contaminanti presenti nei reflui superiori ai limiti prescritti dalla normativa vigente, riducendo il carico inquinante immesso dell’ambiente fluviale.


Altro aspetto importante è l’attenzione all’inserimento ambientale e al basso impatto paesaggistico che ha guidato la costruzione sia dell’impianto, costruito su tre livelli di quota seguendo il declivio della collina, sia dei locali tecnici, alcuni rivestiti da materiale simil-legno e tutti dotati di un sistema di aspirazione dell’aria che permette di evitare fuoriuscite di odori molesti.

Proprio dall’impianto, sede della conferenza stampa di tappa, Legambiente rilancia alcune proposte sul tema depurazione per la gestione sostenibile della risorsa idrica su cui l’Italia deve accelerare il passo: 1) il completamento della rete fognaria e la realizzazione di interventi volti alla separazione delle acque reflue civili da quelle industriali e di prima pioggia; 2) l’ammodernamento degli impianti di depurazione esistenti, puntando alla massimizzazione del riutilizzo delle acque reflue e a processi economia circolare applicati in tutte le fasi del ciclo di depurazione; 3) la costruzione di nuovi impianti dove mancano.

“Con la XV tappa della nostra campagna – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale Legambiente – ribadiamo l’urgenza di un cambio di passo da parte dell’Italia che porti a trasformare un problema in una straordinaria opportunità. In questo cambio di passo, infatti, i depuratori possono fornire acqua, materie prime seconde ed energia rinnovabile. L’Italia da decenni soffre della piaga della maladepurazione, come testimoniano ogni anno anche i dati delle nostre campagne Golette verde e Goletta dei laghi, con un tasso di conformità pari al 56%, al di sotto della media UE del 76%. Dopo l’elezione del nuovo Commissario straordinario unico per la depurazione, l’Italia vari al più presto un piano nazionale per la depurazione con il completamento veloce degli interventi sulla rete impiantisca e prevedendo più risorse rispetto alle poche messe a disposizione dal PNRR (circa 600 milioni). E si mettano in campo interventi concreti e innovativi, come quello al centro dell’iniziativa odierna, che si integrano a politiche climatiche lungimiranti che vedono protagonista la risorsa idrica”. 

“I depuratori sono oggi un’opportunità di sviluppo aggiunge Tullio Montagnoli, AD di A2A Ciclo Idrico –. Quelli che erano semplici impianti di trattamento, sono infatti diventati impianti di recupero, in una logica di economia circolare. Un depuratore efficiente come quello di Gavardo trasforma i reflui in ingresso in acqua pulita, 9 milioni di litri al giorno, da riutilizzare in agricoltura, evitando così, dove possibile, il prelievo da corsi e bacini. Prelievi che rappresentano il 50% dell’acqua consumata in Italia. Ecco perché i depuratori sono essenziali per mitigare la crisi idrica del nostro Paese. Anche i fanghi che restano dal trattamento dei reflui vengono riutilizzati, trasformati in calore ed energia al Termoutilizzatore di Brescia, in un’ottica di circolarità. Non solo. L’impianto di Gavardo ha sostituito due depuratori ormai obsoleti, consentendo a tre Comuni bresciani di uscire dalle procedure di infrazione europee. Per superare le multe di Bruxelles negli ultimi anni sono stati realizzati da A2A Ciclo Idrico 8 depuratori, e due saranno pronti nei prossimi mesi, oltre a parecchi interventi di collettamento delle reti fognarie agli impianti stessi con un investimento di circa 110 milioni di euro. Con i nuovi impianti in corso di realizzazione contiamo di superare tutte le procedure di infrazione entro il 2026”.

Acque reflue: un potenziale enorme. Il riutilizzo dell’acqua opportunamente trattata dagli impianti di depurazione è stato identificato come un’alternativa affidabile per l’approvvigionamento idrico per vari scopi, come l’irrigazione agricola, l’uso industriale o la ricarica delle falde acquifere, come ricorda Legambiente nel report “Accelerare il cambiamento: la sfida dell’acqua passa dalle città”. A confermare questo è potenziale enorme l’indagine “Il riutilizzo delle acque reflue in Italia” di Utilitalia (Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche)  che sostiene che il riuso delle acque reflue depurate in agricoltura ha un potenziale di 9 miliardi di metri cubi all’anno – l’acqua che esce dai depuratori – ma in Italia viene sfruttato solo per il 5% (475 milioni di metri cubi) a causa di limiti normativi, pregiudizi degli agricoltori e una governance non ancora ben definita.

Le procedure d’infrazione. Quattro, sino ad oggi, le procedure d’infrazione a carico dell’Italia per la mancata conformità alla Direttiva Acque Reflue (91/271/CEE): mentre l’ultima (2017/2181) è ancora in fase di istruttoria, le prime tre sono già sfociate in sentenza di condanna e in particolare la prima, risalente al 2004, è giunta fino alla sanzione pecuniaria. L’ultimo segnale dalla Commissione europea arriva il primo giugno scorso, con il nuovo deferimento alla Corte di Giustizia europea a causa dei ritardi nell’adempimento della sentenza della Corte del 2014 (relativa alla seconda procedura di infrazione, del 2009). Dei 41 agglomerati oggetto della sentenza ne restano 5 ancora non conformi (4 in Sicilia e 1 in Valle d’Aosta).

I cantieri della transizione ecologica. La campagna, partita a maggio, è un viaggio itinerante lungo la Penisola per raccontare, tappa dopo tappa, cantieri, progetti ed esperienze che vanno nella giusta direzione della transizione ecologica ed energetica e che potranno portare importanti benefici in termini ambientali, occupazionali ed economici. Progetti che meritano di essere replicati e raccontanti anche sul sito cantieridellatransizione.legambiente.it con schede, approfondimenti, foto e video. In occasione del XII congresso nazionale di Legambiente in programma l’1,2 e 3 dicembre a Roma all’Auditorium Massimo, verrà presentato il report finale della campagna.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Le città cambiano aria

Siglato a Milano il patto dei sindaci della Pianura Padana per il diritto a respirare aria pulita durante la Giornata Mondiale della Terra Legambiente: “Gli amministratori lombardi siano più incisivi nei confronti di Regione Lombardia, in Europa vanno portati fatti e risultati concreti.” Scarica questo comunicato stampa Presentato questa mattina al Teatro Studio Melato – Piccolo Teatro di Milano Le Città Cambiano Aria – Il Patto dei sindaci per una

Read More »
Comunicati Stampa

Un successo il primo EcoHackaton di Legambiente Lombardia, nuova linfa per l’economia circolare e le strategie ‘green’ delle imprese

Alla Social Innovation Academy di Fondazione Triulza più di cento partecipanti divisi in sedici squadre hanno confermato la necessità di continuare a innovare un settore cruciale  Tre i progetti vincitori, con idee su come innovare le 3R dell’economia circolare condivise e sviluppate con le aziende partner dell’evento Guarda il video di EcoHackaton EcoHackaton: è un successo la 24h sull’economia circolare realizzata da Legambiente in collaborazione con A2A, con main partner

Read More »
Comunicati Stampa

sabato 20 aprile 2024: presidi contro il consumo di suolo, mattina a Caravaggio (BG) e pomeriggio al Parco delle Cave (BS)

Emergenza capannoni sulle terre lombarde: fermiamo il consumo di suolo!  Il 20 aprile #salviamoilsuolo mobilita i cittadini per difendere il bene comune del suolo: presìdi al mattino al Santuario di Caravaggio (BG) e al pomeriggio al Parco delle Cave (BS) Gli ambientalisti inviano le loro richieste a maggioranza e a opposizione regionale: “si dia assoluta priorità alla rigenerazione di aree dismesse per fermare la proliferazione di insediamenti su suoli agricoli”

Read More »
Comunicati Stampa

Le indagini per l’inquinamento delle aree esterne della Tamoil di Cremona devono proseguire per altri 6 mesi

Rigettata dal GIP di Cremona la richiesta di archiviazione SCARICA QUESTO COMUNICATO STAMPA Il Giudice per le Indagini Preliminari di Cremona ha rigettato la richiesta di archiviazione del procedimento per l’inquinamento successivo al 2012 delle aree esterne, in particolare della Canottieri Bissolati, della ex raffineria Tamoil di Cremona, disponendo per i prossimi 6 mesi un supplemento di indagini. Legambiente Lombardia e il cittadino Gino Ruggeri si erano opposti nell’aprile 2023

Read More »