Mal’aria di città: Milano deve dimezzare i livelli di PM2.5 e NO2 per rientrare nei limiti di legge al 2030

Superamenti cronici richiedono interventi straordinari sui trasporti. Ma le politiche sulla mobilità da sole non bastano, serve intervenire anche con politiche energetiche e contenimento delle emissioni zootecniche

Tra le 10 città più inquinate da PM10 in Italia, ben 4 sono lombarde: Milano, Cremona, Lodi e Monza e per la presenza di NO2 nuovamente in vetta Milano, Monza e si classifica anche Como, facendo della regione la peggiore del Paese. Non è una sorpresa, purtroppo, il quadro che dipinge l’annuale dossier “Mal’Aria di città” di Legambiente. La situazione rispecchia ancora fedelmente, nonostante il tempo trascorso, i termini della condanna UE sia per i superamenti relativi ai due inquinanti sopracitati, sia gli annunciati provvedimenti in merito al PM2,5: inadempimento per il mancato rispetto “sistematico e continuativo”, dei valori limite.

Nota. La “riduzione delle concentrazioni necessaria” (valore negativo) indica, per ciascun parametro, di quanto dovrà diminuire la concentrazione, in percentuale, rispetto alle media annua 2022, per raggiungere i valori normativi in vigore dal 2030

Il rapporto redatto dall’associazione ambientalista a livello nazionale intitola con un “troppo lentamente” la sintesi dei dati, ma la realtà è forse più preoccupante: non esistono efficaci o anche soltanto significativi piani di rientro dai cronici superamenti. Nel dettaglio: Milano e Cremona, le due città fanalino di coda in Italia per il PM10, devono abbattere, rispettivamente, del 43% e del 42% le loro concentrazioni di inquinante rispetto alle media annua del 2022 per rientrare nei parametri della normativa in vigore dal 2030. Per ciò che riguarda il PM2.5 spicca Monza, con un gap disperato (60%), seguite a ruota da Milano e Cremona (57%), Bergamo (55%), Como (52%) e Brescia con Mantova (50%). Per l’NO2, un pericoloso gas tossico la cui presenza nell’atmosfera è principalmente legata alla diffusione dei propulsori diesel, Milano deve quasi dimezzare i valori attuali per rientrare nella norma, seguita a ruota da Como e Monza, due città che hanno grossi problemi sia di congestione urbana, che di traffico di attraversamento.

“Mal’aria di città”, diffuso durante la campagna itinerante di CleanCities, offre alcune possibili soluzioni, in particolare a carico del settore della mobilità: in un Paese che soffre di cronica sovradotazione di automobili, con i dati peggiori d’Europa per il rapporto tra autoveicoli e abitanti, la demotorizzazione resta un imperativo secondo Legambiente, da perseguire con politiche di moderazione del traffico, di sostegno alla mobilità attiva (ciclopedonalità e micromobilità urbana) e con il miglioramento e l’ampliamento dell’offerta di trasporto pubblico.

LEGGI IL DOSSIER NAZIONALE COMPLETO

«Dobbiamo iniziare a chiederci se bastino provvedimenti come le Low Emission Zone, finora vista solo a Milano con AreaB – afferma Federico Del Prete, responsabile Mobilità e Spazio Pubblico di Legambiente Lombardia -. La realtà che dobbiamo affrontare è quella di una drastica sterzata verso il trasporto collettivo, in Lombardia particolarmente sofferente sia per la inadeguatezza dell’operatore regionale Trenord, sia per l’assenza di investimenti adeguati e di innovazione nell’offerta. Per non parlare dell’assurda insistenza in infrastrutture stradali, come la Pedemontana, la Cremona-Mantova o la Vigevano-Malpensa, manco fossimo ancora negli Anni Sessanta e in pieno Boom Economico: è inaccettabile pensare di dover creare nuova capacità stradale, quando la necessità è quella di razionalizzare la rete esistente».

Oltre a sharing, aree a basse emissioni estese anche agli edifici e diffusione della mobilità elettrica, un punto importante indicato da Mal’Aria 2023 è quello della necessità di uno spazio pubblico rinnovato: città per le persone, non per una singola categoria di trasporti.

«Le città devono rappresentare la società delle persone, non quella dei veicoli – aggiunge Del Prete –. Milano prova a seguire Bologna con l’Ordine del Giorno in consiglio comunale per Città 30 km/h entro il gennaio del 2024, un provvedimento ormai standard in molte città europee, ma dalla giunta e dal sindaco arrivano segnali contraddittori, poco rassicuranti. Abbiamo bisogno di strade sicure per tutte le età e le abilità, non di anacronistiche invocazioni alla città che corre senza guardare a un futuro realmente sostenibile».

Di questo si parlerà nell’appuntamento pubblico della campagna internazionale CleanCities Campaign mercoledì 8 febbraio dalle 10 alle 13 in Cascina Nascosta. Sarà occasione per presentare i dati su Milano e Bergamo, le due città coinvolte nell’iniziativa europea, e discutere con addetti al settore e amministratori le proposte relative alla mobilità urbana e alla sicurezza stradale. Saranno presenti: Marco Granelli, Assessore alla Sicurezza del Comune di Milano; Marco Mazzei, consigliere comunale di Milano, estensore OdG Milano Città30; Lorenzo Pagliano, DAStU/PoliMI (in collegamento da Parigi); Tommaso Goisis, Sai che puoi?; Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia; modererà Federico Del Prete. Durante l’incontro avrà luogo il Trofeo Tartaruga di Legambiente: tre attivisti percorreranno lo stesso itinerario fino a Cascina Nascosta, in viale Emilio Alemagna 14 in Parco Sempione a Milano, con mezzi di trasporto diversi (TPL, bici, monopattino, automobile) – per commentare la qualità dello spazio pubblico e della mobilità.

Legambiente Lombardia però non fa sconti, né coltiva illusioni: le politiche della mobilità, se possono migliorare la qualità della vita e la sicurezza urbana, da sole non basteranno a mettere in sicurezza l’aria respirata dai lombardi. «Da anni l’efficacia delle politiche tradizionali di lotta allo smog nelle regioni padane è decrescente: questo perché sempre di più nello zoccolo duro dell’inquinamento difficile da abbattere pesano tutti i mali di una ricetta di sviluppo che ha preteso di concentrare un eccesso di fonti emissive nella pianura più densamente popolata d’Europa: non solo motori a combustione, ma anche emissioni industriali, energia da fonti fossili, combustione di biomasse e, soprattutto, emissioni di agricoltura e zootecnia intensiva: per vedere i risultati in termini di risanamento dell’aria, le politiche sulla mobilità devono essere parte di un serrato programma di transizione ecologica ed energetica dell’economia, della cui regia sono responsabili i governi regionali, e quello lombardo più di qualunque altro» spiega Damiano Di Simine, coordinatore scientifico di Legambiente Lombardia.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Grandi dighe in Lombardia: siamo al sicuro a 100 anni dalla tragedia del Gleno?

I grandi invasi sono una risorsa essenziale per la sicurezza energetica e l’approvvigionamento idrico, ma tra obsolescenza strutturale e concessioni scadute il sistema delle dighe e delle infrastrutture idriche lombarde è in stallo Legambiente: “Il rinnovo delle grandi concessioni idroelettriche è una priorità assoluta, sia per il sistema energetico sia per la sicurezza della popolazione” Il 1° dicembre è una data funesta per le popolazioni della Val di Scalve e

Read More »
Comunicati Stampa

Ecomafie più forti in Lombardia, preoccupazione per il traffico dei rifiuti, la fauna, i grandi eventi e l’effetto dei finanziamenti PNRR

La regione è prima nel Nord Italia per i reati contro l’ambiente, sesta su base nazionale; cresce nel traffico di rifiuti, staccando la Calabria, con un quarto dei procedimenti penali nazionali negli ultimi venti anni Balzo in avanti anche per ciò che riguarda i reati contro la fauna, dall’undicesimo al sesto posto, + 26% Legambiente: “Priorità al potenziamento del sistema regionale dei controlli ambientali, evidente squilibrio di risorse con investimenti

Read More »
Comunicati Stampa

I sensori che mancano a Matteo Salvini

di Federico Del Prete* La sicurezza stradale non è quasi mai in cima all’agenda delle priorità dei governi italiani, se non come motivo di proclama o come tattica di contorno su temi diversi. Meno ancora lo è in quella dei media, dove compare giusto in occasione delle tragedie più efferate, e usando sempre l’ormai ridicolo incipit di ‘incidente’. Eppure, sarebbe la vera sicurezza di cui avrebbe bisogno questo paese. Non

Read More »