Summer School di economia civile a Lecco dal 27 al 30 giugno

Comunità energetiche ed educanti, finanza sostenibile, azioni per il clima, green jobs: tanti i temi al centro della scuola di formazione ideata da Legambiente. Un percorso che punta su soluzioni socio-ambientali territoriali per attuare una riconversione ecologica integrale

Comunità energetiche e comunità educanti. Finanza sostenibile e tecnologie connettive profit-no profit. E ancora, preparazione al riutilizzo attraverso l’inclusione sociale, volontariato aziendale e green jobs. Sono solo alcuni degli argomenti al centro della IV edizione della Summerschool nazionale di Economia Civile: quest’anno l’appuntamento è a Lecco, dal 27 al 30 giugno, con un fitto calendario di incontri e momenti formativi ideati dall’Ufficio nazionale economia civile di Legambiente in collaborazione con Legambiente Lombardia e Circolo di Lecco, realizzati grazie al contributo del Comune di Lecco, del polo territoriale di Lecco del Politecnico di Milano e di SILEA SPA, società che si occupa del ciclo integrato dei rifiuti sul territorio.

Scelta non casuale quella del capoluogo di provincia lombardo, primo Distretto di economia civile sorto nel Nord Italia, che ospiterà la scuola di formazione e i vari esperti e relatori che si avvicenderanno nel corso della quattro giorni. Ed è proprio dentro alla cornice dei Distretti di economia civile italiani che nel 2017 è nata la Summerschool, pensata quale momento specifico per costruire risposte territoriali nell’ambito di processi che sperimentano innovazione civica e transizione ecologica“Soluzioni civili” è il titolo scelto per l’edizione 2022 che s’inserisce in uno dei momenti più complicati degli ultimi decenni, come spiegano gli organizzatori. 

IL CALENDARIO COMPLETO

“In uno dei più delicati e complessi frangenti degli ultimi cinquant’anni, che vede il dilagare delle fragilità di intere fette di popolazione catapultate in aree a rischio, è prioritario trovare soluzioni per attuare una riconversione ecologica integrale – dichiara Lorenzo Barucca, responsabile Economia Civile di Legambiente – Se la spinta degli aiuti nazionali e sistemici, di natura soprattutto economica, riesce a trovare una messa a terra in cantieri di lavoro territoriali, dove sono in corso il consolidamento della condivisione e della corresponsabilità sociale, allora si genera uno stimolo non solidaristico, ma capacitante. La Summerschool si posiziona dentro questo solco, per contribuire con spunti operativi a soluzioni territoriali ad alto valore relazionale, socio-ambientale ed economico”.

“Ospitare nella nostra città e contribuire a realizzare la Summerschool di Economia Civile è per noi un motivo di vanto – commenta Renata Zuffi, Assessora all’Ambiente, alla Mobilità e alle Pari Opportunità del Comune di Lecco – Questa quattro giorni rappresenta un momento importante di incontro e confronto, nel quale confluiranno esperienze, attori e territori interessati a ricercare soluzioni condivise e partecipate, per una crescita dei distretti di economia civile in una logica di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Per la città di Lecco la Summerschool sarà anche un’occasione per raccontare e approfondire il distretto di economia civile lecchese”.
 
Summerschool 2022: il format e i destinatari. Suddivisa in moduli, la Summerschool nazionale di Economia Civile offre sia un contributo accademico sia la presenza e la testimonianza degli “addetti ai lavori”: il format prevede una parte teorica e una laboratoriale, l’alternanza tra interventi frontali pensati a titolo di approfondimento e attività di scambio tra i partecipanti come i workshop. Obiettivi di questa IV edizione sono, nello specifico, l’acquisizione di competenze socio-ambientali miste, capaci cioè di tradurre le pratiche e i progetti sempre con finalità sia sociali sia ambientali; l’acquisizione di strumenti socio-ambientali, soprattutto attraverso la discussione e l’ascolto intorno a pratiche italiane che già si muovono su logiche di ecologia integrale; l’acquisizione di logiche processuali che agevolino circuiti virtuosi tra profit e no profit e tra Pubblico e privato, per la costruzione di ecosistemi biodiversi territoriali.

La Summerschool 2022 prevede un numero massimo di 30 partecipanti ed è particolarmente indirizzata a operatori che si occupano di coesione sociale, educazione e formazione, sostenibilità ambientale, funzionari delle Pubbliche Amministrazioni impegnati in processi partecipativi della cittadinanza, in area sociale e ambientale, amministratori con deleghe nei medesimi settori, così come in materia di politiche giovanili e cultura; studenti universitari iscritti a indirizzi di ambito sociale, ambientale e culturale. Il percorso è stato concepito in forma residenziale per intensificare ancor più la condivisione di esperienze tra partecipanti, relatori e organizzatori. 
 
Temi e appuntamenti della IV edizione. Durante il corso, verranno esplorati temi riguardanti l’economia civile con e nelle amministrazioni, con e nelle imprese, con il terzo settore. Tra gli approfondimenti e i workshop in programma, quelli sull’Italia dei green jobs e sugli investimenti per la generazione di posizioni lavorative, sulle città tra coprogettazione e housing sociale, sulla preparazione per il riutilizzo per l’inclusione circolare e sulla finanza per la transizione ecologica dell’economia. Nell’ambito della Summerschool saranno inoltre realizzati gli approfondimenti online Green Jobs Orienta, legati al progetto Life Climaction, formazioni destinate ai giovani degli ultimi due anni delle scuole superiori e agli studenti universitari che hanno conseguito una laurea di primo livello.
 
Sono inoltre ancora disponibili alcune borse di studio a copertura totale dei costi di partecipazione. Per maggiori informazioni: economiacivile@legambiente.it

Martedì 27 giugno in programma, inoltre, un Fuorisummerschool: appuntamento serale per la presentazione del libro Le città visibili. Dove inizia il Cambiamento del Paese che prevede l’incontro con l’autore Pierfrancesco Maran, Barbara Meggetto, Presidente di Legambiente Lombardia, e Mauro Gattinoni, Sindaco di Lecco presso la sede lecchese del Politecnico di Milano.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Le città cambiano aria

Siglato a Milano il patto dei sindaci della Pianura Padana per il diritto a respirare aria pulita durante la Giornata Mondiale della Terra Legambiente: “Gli amministratori lombardi siano più incisivi nei confronti di Regione Lombardia, in Europa vanno portati fatti e risultati concreti.” Scarica questo comunicato stampa Presentato questa mattina al Teatro Studio Melato – Piccolo Teatro di Milano Le Città Cambiano Aria – Il Patto dei sindaci per una

Read More »
Comunicati Stampa

Un successo il primo EcoHackaton di Legambiente Lombardia, nuova linfa per l’economia circolare e le strategie ‘green’ delle imprese

Alla Social Innovation Academy di Fondazione Triulza più di cento partecipanti divisi in sedici squadre hanno confermato la necessità di continuare a innovare un settore cruciale  Tre i progetti vincitori, con idee su come innovare le 3R dell’economia circolare condivise e sviluppate con le aziende partner dell’evento Guarda il video di EcoHackaton EcoHackaton: è un successo la 24h sull’economia circolare realizzata da Legambiente in collaborazione con A2A, con main partner

Read More »
Comunicati Stampa

sabato 20 aprile 2024: presidi contro il consumo di suolo, mattina a Caravaggio (BG) e pomeriggio al Parco delle Cave (BS)

Emergenza capannoni sulle terre lombarde: fermiamo il consumo di suolo!  Il 20 aprile #salviamoilsuolo mobilita i cittadini per difendere il bene comune del suolo: presìdi al mattino al Santuario di Caravaggio (BG) e al pomeriggio al Parco delle Cave (BS) Gli ambientalisti inviano le loro richieste a maggioranza e a opposizione regionale: “si dia assoluta priorità alla rigenerazione di aree dismesse per fermare la proliferazione di insediamenti su suoli agricoli”

Read More »
Comunicati Stampa

Le indagini per l’inquinamento delle aree esterne della Tamoil di Cremona devono proseguire per altri 6 mesi

Rigettata dal GIP di Cremona la richiesta di archiviazione SCARICA QUESTO COMUNICATO STAMPA Il Giudice per le Indagini Preliminari di Cremona ha rigettato la richiesta di archiviazione del procedimento per l’inquinamento successivo al 2012 delle aree esterne, in particolare della Canottieri Bissolati, della ex raffineria Tamoil di Cremona, disponendo per i prossimi 6 mesi un supplemento di indagini. Legambiente Lombardia e il cittadino Gino Ruggeri si erano opposti nell’aprile 2023

Read More »