Direttiva UE sulla qualità dell’aria: con il voto al Parlamento Europeo si apre una nuova stagione di sfide per la lotta agli inquinanti che minacciano la salute umana

Le emissioni di ammoniaca in Lombardia (2019). Fonte: INEMAR

Con il voto di ieri a Bruxelles il Parlamento Europeo ha confermato l’impegno a raggiungere obiettivi di qualità dell’aria allineati alle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Con una tappa intermedia al 2030 e un traguardo finale al 2035, tutti i cittadini europei dovranno respirare un’aria conforme ai criteri di qualità che, secondo l’OMS, minimizzano gli effetti sulla salute respiratoria e cardiocircolatoria delle sostanze inquinanti aerodisperse.

Resta una scappatoia per le regioni con vincoli orografici, come quelle della Pianura Padana. In contesti di questo tipo gli Stati Membri potranno ottenere una deroga di cinque anni una tantum, ma dovranno comunque dotarsi di un piano serrato di azioni per ridurre le concentrazioni atmosferiche dei diversi inquinanti. Il risultato della votazione di ieri dovrà essere perfezionato dal negoziato con il Consiglio Europeo, da chiudere entro il termine di legislatura.

“La maggioranza dei parlamentari europei non ha accolto le istanze di flessibilità portate a Bruxelles dai rappresentanti di Regione Lombardia”, commenta Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “È un risultato importante e per nulla scontato fino a ieri, che tutela decine di milioni di cittadini europei la cui salute continua ad essere minacciata da una mediocre qualità dell’aria: sono infatti oltre trecentomila le morti annuali correlate all’inquinamento atmosferico in Europa, con un quinto di queste a carico del territorio italiano, specialmente al Nord.”

Per la Lombardia e le altre regioni del bacino padano, anche in caso di richiesta di deroga, il traguardo dell’aria pulita richiederà impegno e investimenti maggiori, viste le peggiori condizioni di partenza. È però un’occasione di sviluppo e innovazione, con riflessi importanti anche sulla mitigazione della crisi climatica.

Le trasformazioni dovranno riguardare in primo luogo la mobilità delle persone e delle merci, che resta la principale fonte di emissione di ossidi di azoto e di precursori dell’ozono: occorrerà sviluppare nuovi concetti di mobilità, urbana ed extraurbana, moltiplicando il ricorso al trasporto collettivo e una ciclabilità diffusa, oltre ad accelerare la transizione verso la mobilità elettrica anche per i veicoli di trasporto merci. Non meno impegnativa sarà la sfida sul versante delle produzioni agrozootecniche, da cui deriva la quota preponderante di precursori delle polveri sottili, che dovranno essere diversificate riducendo fortemente la densità di animali negli allevamenti e l’impiego di fertilizzanti.

“Sono sfide molto impegnative che devono essere raccolte quanto prima, se non vorremo trovarci di nuovo, al termine di questo difficile percorso, nella spiacevole situazione di essere la regione più inquinata d’Europa, per esserci sottratti alle nostre responsabilità” conclude Barbara Meggetto.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

ClimaxPo

Domenica 14 luglio 2024 è la giornata internazionale del Big Jump, il salto nei fiumi europei per preservarne la qualità delle acque e la biodiversità

Tre i flash mob in Lombardia, sul Po, sul Ticino e sull’Olona Legambiente: “Big Jump è un tuffo condiviso che sollecita azioni, per tornare balneabili i fiumi lombardi devono essere tutelati con azioni concrete.” Anche quest’anno Legambiente aderisce al Big Jump, una campagna annuale di sensibilizzazione promossa a livello europeo a partire dal 2002 dall‘European Rivers Network. L’iniziativa prevede un tuffo simbolico nei fiumi per richiamare l’attenzione sulla qualità delle

Read More »
Blog

La crudele ‘deregulation’ dell’attività venatoria approvata in Lombardia è una minaccia per il governo dei territori e delle aree protette

Legambiente: “Fermamente contrari a una normativa venatoria che non porterà solo danni all’ambiente, ma accelererà la eventuale infrazione europea e ulteriori sanzioni. Legambiente ha aderito oggi a un comunicato congiunto con altre associazioni contro gli emendamenti alla normativa lombarda in materia di caccia approvati nella “Prima legge di revisione normativa ordinamentale 2024” di Regione Lombardia. Gli emendamenti approvati dalla maggioranza, secondo quanto diffuso dagli stessi relatori, prevedono la possibilità per

Read More »
Eventi

Esplorando la Val Ravella tra Natura ed Immaginazione: i Centri Estivi organizzati da Legambiente Lombardia presso Prim’Alpe

Vieni a prendere la Vitamina N (natura)! Sono ancora aperte le iscrizioni per il secondo turno di campi estivi presso il Centro di Educazione Ambientale di Prim’Alpe, dal 25 al 31 agosto! I campi estivi sono rivolti a bambini dai 7 agli 11 anni, con un contributo di partecipazione di € 350,00, che include vitto, alloggio e materiali, prevedendo uno sconto del 20% per il/la secondo/a figlio/a iscritto/a. La vitamina

Read More »
Comunicati Stampa

32a Rassegna-degustazione nazionale di Legambiente in Maremma: tre i vini lombardi selezionati per i riconoscimenti ai migliori vini biologici e biodinamici d’Italia

Segnalata anche un’azienda per la sostenibilità ambientale nell’ambito del processo produttivo ‘dal campo alla tavola’. Legambiente: “La ormai decennale vetrina per produttrici e produttori del Made in Italy che agiscono la transizione ecologica premia ancora una volta la Lombardia più attenta alla agroecologia” Scarica il comunicato stampa nazionale Vai alla pagina web di Festambiente Scarica questo comunicato stampa Si è conclusa con l’ennesimo successo lo scorso 8 giugno a Rispescia

Read More »