Sinergie: creare valore con Legambiente. “Innovare – Includere – Riconvertire”: Milano ospita la 10a edizione del workshop nazionale sul volontariato aziendale

Crescita costante del volontariato aziendale con Legambiente: in dieci anni le aziende coinvolte sono passate da 20 a 241 (nel 2023)

Nel 2023 numeri positivi: sono stati 14.086 i collaboratori volontari (+ 950 rispetto al 2022).

 Aumentate le aree riqualificate (260 contro le 223 della scorsa edizione), per un totale di 16.300 kg di rifiuti raccolti (di cui 168 kg mozziconi di sigarette)

Le sfide per il 2024: nel cuore delle attività sempre più la citizen sciencee l’economia circolare, ma anche la promozione e custodia della biodiversità, il tema del fast fashion e sempre più collaborazione con altre associazioni che si occupano di sociale

 Oggi a Milano e in diretta su lanuovaecologia.it la presentazione dei risultati del 2023, le esperienze e le nuove proposte progettuali

Scarica questo Comunicato Stampa

Una crescita costante quella del volontariato aziendale con Legambiente, che vede protagonisti i dipendenti, manager e collaboratori di piccole e grandi aziende che, durante le ore di lavoro, dedicano il loro tempo alla tutela dell’ambiente e alla sostenibilità dei territori, coniugando la responsabilità sociale d’impresa e il benessere della comunità. In dieci anni dal workshop del volontariato aziendale con Legambiente, le aziende coinvolte sono passate da 20 a 241 (nel 2023) . Sempre nel 2023, alle attività di volontariato, che contribuiscono al raggiungimento degli Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, hanno partecipato 14.086 collaboratori registrando un incremento di ben 950 volontari (nel 2022 erano 13.136). Crescono anche le aree riqualificate, 260 contro le 223 della scorsa edizione. Per un totale di 16.300 kg di rifiuti raccolti (di cui 168 kg sono mozziconi di sigarette ). Sono state ben 91 (lo scorso anno 70) le “Carte d’Identità del volontariato aziendale di Legambiente” rilasciate come riconoscimento personalizzato per le imprese coinvolte nelle attività di riqualificazione dei territori, in cui si certifica il tempo, l’impegno e il percorso attraverso le iniziative svolte. 

Questi, in estrema sintesi, i dati di bilancio sulle attività di volontariato aziendale registrate nel 2023, presentati da Legambiente oggi presso la Diamond Tower di Milano nel corso della X edizione del workshop “Sinergie: Creare valore con Legambiente” quest’anno dal titolo ispirato al XII Congresso Nazionale di Legambiente “Innovare – Includere – Riconvertire” . Proprio i temi del Congresso, che si è svolto a Roma dal 1 al 3 dicembre scorso, hanno infatti guidato le nuoveproposte progettuali per il 2024: nel cuore delle attività offerte alle aziende sempre più citizen science ed economia circolare, ma anche una maggiore collaborazione con altre associazioni che si occupano di sociale, unendo valenza ambientale e sociale; il rafforzamento della promozione e custodia della biodiversità; lo sviluppo del tema fast fashion, con attività laboratoriali di recupero di indumenti, organizzate in sinergia con soggetti e associazioni che operano in questa filiera e che si occupando di sociale, per educare e sensibilizzare verso scelte sempre più sostenibili.

Tra le iniziative organizzate nel corso del 2023 dal Cigno verde e che hanno visto il protagonismo delle aziende, molte hanno riguardato, in tutto il Paese, la riqualificazione dai rifiuti degli spazi verdi urbani e delle spiagge; con la possibilità di vivere esperienze di citizen science, censendo la quantità e la tipologia dei rifiuti dispersi con i monitoraggi Beach Litter Park Litter. In totale sono stati 38 le spiagge e 57 i parchi urbani che hanno ospitato queste attività, rispettivamente in 36 e 15 città. E ancora 11 le iniziative di “Bimbi in Ufficio”780 bambine e bambini (3-14 anni) che, visitando gli uffici dei propri genitori, hanno partecipato ai laboratori organizzati dagli animatori di Legambiente su numerosi temi come il riciclo creativo della plastica, la corretta alimentazione, l’importanza degli alberi e della mobilità sostenibile. Inoltre, 6 gli appuntamenti formativi (in presenza e online) che hanno coinvolto 360 collaboratori aziendali, con attività di sensibilizzazione sull’adozione di stili di vita e comportamenti sostenibili: dalla corretta raccolta differenziata alle energie rinnovabili fino all’economia circolare.

“Un’alleanza per il futuro che si dimostra sempre più vincente, quella tra le aziende e il Terzo settore – ha commentato il direttore generale di Legambiente, Giorgio Zampetti –. Dalla pulizia delle aree verdi urbane e spiagge, ai webinar formativi fino ai laboratori sull’economia circolare rivolti ai più piccoli: tutte occasioni straordinarie per informarsi, educare, condividere, apprendere come assumere comportamenti più sostenibili, non solo nel lavoro ma nella vita quotidiana. Tasselli fondamentali nel perseguimento degli obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030, con un’importante ricaduta sulle comunità, migliorando la qualità di vita dei cittadini e facendo qualcosa di concreto per i territori.”

“Siamo molto fieri dei numeri che presentiamo oggi in occasione della X edizione del workshop – ha dichiarato Ida La Camera, responsabile nazionale volontariato aziendale di Legambiente –. Per il futuro, i temi del XII Congresso NazionaleL’Italia cantiere. Innovare – Includere – Riconvertire” ci faranno da bussola, cercando di accompagnare sempre più le aziende verso percorsi di responsabilità sociale, offrendo loro sempre più possibilità. Tra le novità che introdurremo ci saranno le attività sul tema della promozione e custodia della biodiversità e del fast fashion, sensibilizzando agli impatti ambientali e sociali e educando a scelte sempre più sostenibili”.

Per citare solo alcune delle aziende protagoniste delle giornate di volontariato con Legambiente, Capgemini che in tutte le sedi italiane ha fatto scendere in campo i dipendenti e le famiglie per la riqualificazione di aree verdi urbane e spiagge e per i relativi monitoraggi Beach e Park litter, censendo la quantità e la tipologia dei rifiuti dispersi. Protagonisti dell’attività di citizen sciencePark Litter e Beach Litter di Legambiente anche i dipendenti e i manager di Enel , impegnati in tutta Italia nella pulizia di aree verdi urbane e spiagge. E ancora Hilti che in tutte le sedi in Italia ha organizzato iniziative rivolte ai dipendenti e aperte anche ai più piccoli, riguardanti temi dell’economia circolare e del recupero creativo, donando anche strumenti utili alle attività di volontariato ai circoli locali di Legambiente. Essity che, nella sede di Legnano, ha organizzato il “Family Experience Day”, dedicato ai dipendenti e alle loro famiglie, con l’obiettivo di mettere in luce comportamenti sostenibili da adottare in ufficio e nella vita quotidiana. Esperienza affine è quella di Alstom con “Ti presento Alstom”: open day rivolto alle famiglie dei dipendenti per scoprire l’azienda e le sue attività, che ha previsto – nell’ambito del format di Legambiente “Bimbi in ufficio” – laboratori sulla sostenibilità per i bambini dai 3 ai 14 anni.

Al X workshop hanno preso parte:

Giorgio Zampetti, Direttore Generale Legambiente; Ida La Camera , Responsabile nazionale volontariato aziendale Legambiente;  Philippe Desgeans, Country Manager di BNP Paribas Leasing Solutions Italy;  Riccardo Taverna, Chairman WeGlad; Annalisa Corrado, Responsabile sviluppo progetti innovativi AzzeroCO2; Antonio Nicoletti, Responsabile nazionale Aree protette e Biodiversità Legambiente; Davide Caocci, Sustainability Manager in Gioda Consulting; Alessandro Ciani, BNL BNP Paribas ESG COE Expert; Alessandra Miata, CSR Head Italy Capgemini; Fernanda Panvini, Sustainability Italy Head of Sustainability Initiatives and Circular Economy Enel Italia; Maria Laura Deni, Communications Manager Italy Group Function Communications Essity; Tiziana dell’Orto, Segretario Generale, EY Foundation Onlus Director, EY Corporate Responsibility & Sustainability; Massimo Fortunato, Sustainable Development Manager Birra Peroni; Alice Matteucci, Southern Europe Sustainability Manager Hilti; Elvira Viteritti, Teamlead Communication Cosnova. Sergio Capelli, Direttore Legambiente Piemonte; Piero De Candia, Direttore Legambiente Veneto; Andrea Causo, Direttore Legambiente Lombardia; Antonio Gallozzi , Responsabile volontariato aziendale Legambiente Campania; Federico Borromeo, Direttore Legambiente Liguria; Roberto Scacchi, Presidente Legambiente Lazio.

Hanno moderato: Francesco Loiacono, Direttore La Nuova Ecologia e Iris Corberi, Direttrice BioEcoGeo.

L’ufficio stampa di Legambiente nazionale:

Ilenia De Simone | 371 5962334;
Luisa Calderaro | 349 6546593

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Post correlati

Potrebbe interessarti

Comunicati Stampa

Aria ‘malata’, con il tempo caldo e stabile torna l’inquinamento da ozono in Lombardia

Le principali cause di questo pericoloso inquinamento sono da attribuire ai settori dei trasporti stradali, agricoltura e all’uso dei solventi Legambiente: “Molta strada ancora da fare per restituire ai cittadini lombardi un’aria sana, ancora insufficienti sono gli sforzi di riduzione.” Scarica questo comunicato stampa L’estate è finalmente arrivata anche nel Nord Italia, con caldo e cielo sereno. Insieme al caldo è però arrivato anche il principale nemico dei polmoni dei

Read More »
Comunicati Stampa

Qualità dell’aria, nuove evidenze dell’impatto degli allevamenti intensivi: un terzo delle polveri sottili nell’aria della Pianura Padana è di origine zootecnica

I risultati della ricerca sull’inquinamento da fonte agricola in Pianura Padana pubblicati sulla rivista scientifica «Frontiers in Environmental Sciences» Legambiente: “Coinvolgere pienamente l’agricoltura nella transizione ecologica della nostra economia, abbiamo accumulato troppi ritardi” Scarica questo comunicato stampa Scarica il comunicato stampa di CMCC Vai alla pubblicazione su «Frontiers in Environmental Sciences»  È l’ammoniaca, il gas rilasciato da liquami zootecnici e campi troppo intensamente fertilizzati con urea e letami, la responsabile della

Read More »
ClimaxPo

La giornata del Big Jump, oggi in Lombardia tre appuntamenti

Olona, Ticino e Po i corpi idrici protagonisti dei flash mob Il progetto LIFE – Climax PO Legambiente: “La Lombardia rimane indietro su standard qualitativi EU, troppo pochi i passi avanti fatti da depurazione e riqualificazione.” Scarica il comitato stampa nazionale di Climax Po / Big Jump con link ai file multimediali (aggiornati dalle 15:00) Legambiente e il progetto Europeo Life Climax Po aderiscono al Big Jump, la campagna dell’European

Read More »
Comunicati Stampa

Ecomafia 2024: al Nord la Lombardia è saldamente in testa per i reati ambientali

Il rapporto di Legambiente celebra 30 anni di impegno dalla sua prima pubblicazione Legambiente: “Politica alzi la guardia nei confronti delle organizzazioni della criminalità ambientale ed economica” Scarica Ecomafia 2024 Scarica il comunicato stampa nazionale con il link ai file multimediali Scarica le tabelle con i dati regionali “Dall’analisi dei dati contenuti nel Rapporto Ecomafia 2024 la Lombardia si conferma la prima regione del Nord Italia in quasi tutte le

Read More »